La citta' incantata

Regia: Hayao Miyazaki

Genere: Animazione

Anno: 2001

Con:

Una delle fiabe più visionarie di Miyazaki... Chihiro ha dieci anni, è abbastanza testarda e piuttosto capricciosa. E' convinta che tutto il mondo debba assecondare i suoi voleri. Quando i suoi genitori, Akio e Yugo, le comunicano che stanno per cambiare casa, Chichiro va su tutte le furie ma la situzione non cambia. Il trasloco va fatto. Colma di tristezza saluta la sua vecchia vita e si mette in viaggio con i suoi genitori. Durante il tragitto i tre si ritrovano in una strada senza uscita dinanzi a un gigantesco edificio rosso sulla cui facciata si apre una galleria. Riluttante e sospettosa, Chihiro segue i genitori nel tunnel che, come scoprono ben presto, conduce a una città fantasma dove un ricco banchetto li attende. I genitori della ragazzina si tuffano immediatamente tra le golose vivande e, sotto gli occhi della figlia, si trasformano in men che non si dica in maiali. A governare quel mondo misterioso è Yubaba, strega malvagia, che spiega alla piccola che i nuovi arrivati vengono trasformati in animali per poi essere essere uccisi e mangiati. Il destino che attende coloro che riescono a sfuggire a questo tragico destino, una volta dimostrato che non servono a nulla, vengono condannati all'annientamento. Pre sottrarsi a quella tragica condanna a Chihiro non resta che rendersi utile e quindi lavorare... Dopo Principessa Mononoke,la seconda delle tre uscite evento delle favole del re del cinema d'animazione giapponese da vent'anni Hayao Miyazaki, che nel 2013 in occasione della Mostra del Cinema di Venezia (che nel 2005 lo ha insignito con un Leone d’Oro alla carriera) ha annunciato il suo ritiro, e dello Studio Ghibli, riproposte in versione completamente restaurata e per la prima volta digitalizzata. In chiusura è previsto l'atteso “Si alza il vento”. Il maestro sorprendere con la sua affilata ironia e con le sue geniali fantasie ancora una volta con il suo lungometraggio d'animazione del 2001, vincitore di numerosi premi tra cui l'Oscar nel 2003 e l’Orso d’Oro al festival di Berlino nel 2002 come miglior film di animazione, record di incassi giapponese.