Domenica 10 Gennaio 2010

La prima pietra pesa troppo:
il vescovo aiuta i ragazzi di Terno

Anche il vescovo mons. Francesco Beschi, avendoli visti in difficoltà, è intervenuto per aiutare i quattro adolescenti (Martina, Chiara, Federico e Stefano) a portare la prima pietra del nuovo oratorio di Terno d'Isola mentre salivano gli scalini dell'altare per deporla.

È stato un fuoriprogramma che in molti hanno notato, cogliendo in esso un segno della vicinanza del vescovo a questo impegno per la comunità di Terno. «Questa pietra - ha detto mons. Beschi durante la cerimonia - è l'inizio della nuova missione con la quale questa comunità si impegna verso i suoi giovani, con la realizzazione del nuovo oratorio. Una nuova missione come quella di Gesù dopo il battesimo di Giovanni il Battista».

«Il nuovo oratorio - ha continuato il vescovo - sia una sua proposta educativa, un luogo dove si educhi la nuova generazione. Cari genitori ed educatori non scoraggiatevi e non rinunciate mai ad educare, anche quando le difficoltà sembrano insormontabili».

La cerimonia della benedizione e della posa della prima pietra ha avuto luogo subito dopo la concelebrazione con il curato don Sergio Bonacquisti, i sacerdoti locali don Tullio Locatelli e don Davide Colombo, e mons. Giancarlo Carminati, coadiutore a Carvisi Cabanetti. Il sindaco Corrado Centurelli ha ribadito il sostegno della sua amministrazione comunale, come di quella precedente (era presente l'ex sindaco Rossano Longhi).

Maggiori dettagli su L'Eco dell'11 gennaio

r.clemente

© riproduzione riservata