Domenica 24 Gennaio 2010

Il colmo dell'inciviltà: una cucina
completa abbandonata nei boschi

Ai rifiuti abbandonati lungo le strade, nei canali e negli spiazzi un po' defilati e periferici siamo, putroppo, abituati. Ma non era ancora capitato di vedere una intera cucina anni Sessanta - tavolo, sedie, pensili e perfino elettrodomestici -  scaraventata all’ingresso di una proprietà agricola.

L'incivile che ha compiuto l'«opera» ha lasciato anche un divano, una specchiera e alcuni armadietti. La scoperta è stata fatta sabato dallee Guardie ecologiche volontarie del Plis del Basso Brembo alle quali non è rimasto altro da fare che compilare il verbale di segnalazione ai Comuni perché si provveda a smaltire la cucina abbandonata.

La zona al confine tra Bonate Sotto e Madone pare sia presa di mira da chi vuole smaltire abusivamente i rifiuti. In passato sono state rinvenute anche lastre di amianto, mentre la scorsa settimana è stato rinvenuto un intero carico di arance marce, con cassette in legno e plastica, all’ingresso del parco del fiume Brembo. Per pulire l'area, il Comune ha dovuto impiegare due camioncini.

A Madone invece, nei pressi della chiesetta di San Pantaleone, le Guardie ecologiche hanno rinvenuto nel bosco diversi pezzi di una Fiat Uno: parafanghi, radiatore, pezzi di carrozzeria, sedili, interni.

Maggiori dettagli su L'Eco di Bergamo del 25 gennaio

r.clemente

© riproduzione riservata