Lunedì 08 Marzo 2010

Commercio, istanze telematiche
Bergamo è la prima in Italia

Bergamo sarà la prima città d'Italia ad attivare il servizio di Istanze del commercio e di Denunce di inizio attività (Dia) per via telematica, che avranno quindi una procedura semplificata. Lo hanno annunciato lunedì mattina l'assessore all'Innovazione tecnologica Marcello Moro con il viceministro per le Semplificazione Economica Paolo Romani, il sindaco Franco Tentorio e il sottosegretario alla Presidenza della Regione Marcello Raimondi in occasione della presentazione del Geoportale del Comune di Bergamo.

Le istanze del commercio e le DIA on-line, a partire da lunedì 8 marzo, si avvarranno di una procedura notevolmente semplificata e sicuramente più trasparente e continuamente monitorabile da parte di coloro che hanno presentato l'istanza. Colui che ha presentato l'istanza, diventerà l'interfaccia del Comune, e gli verranno comunicati: la data di avvio del procedimento, il numero di protocollo, il nominativo del Responsabile del Procedimento e le diverse informazioni relative allo stato d'avanzamento della pratica.

Coloro che decideranno di sostituire la vecchia procedura cartacea, con la trasmissione della pratica attraverso il GeoPortale denominato Sistema Informativo Geografico Integrato, avranno la possibilità di effettuare i pagamenti on.line, godendo anche di forti sconti sull'importo dei diritti di segreteria: per esempio si passa da 300 euro necessari per la DIA cartacea, ai 70 per la presentazione in via telematica. Per avviare la procedura telematica, basta accedere al portale istituzionale, all'indirizzo SIGI, ed autenticarsi con la propria CNS/Carta Regionale dei Servizi, inserendo il relativo codice PIN, che da oggi è possibile ritirare, non solo presso gli sportelli dell'Asl, ma anche presso lo Sportello Unico del Comune di Bergamo.

La corrispondenza informatica avrà valore legale in quanto avverrà esclusivamente attraverso la Posta Elettronica Certificata (PEC). Grazie a questa nuova procedura, quindi, mediante posta elettronica certificata e firma elettronica, sarà possibile presentare al Comune di Bergamo, alcune istanze direttamente da casa propria o dal proprio studio, con notevole risparmio di tempo, stress e, cosa più importante, di carta e inchiostro, facendo un importante passo verso l'affermazione della cultura dell'immateriale.

Nella consapevolezza che è indispensabile offrire la migliore e più completa informazione possibile sia ai professionisti che dovranno operare con la nuova procedura, e sia ai cittadini che ne dovranno usufruire, il Comune di Bergamo sta organizzando un convegno a partecipazione libera, con la finalità di dare informazioni tecniche e dettagliate sul funzionamento della nuova procedura on line. I lavori per realizzare questa nuova procedura, sono iniziati alcuni mesi fa grazie ad un team di lavoro trasversale, che ha coinvolto gli Uffici dei Sistemi Informativi Territoriali, dell'edilizia privata e del Commercio, con il supporto di diverse software house, ed in particolare della Società Globo s.r.l. di Treviolo.

Questo sistema è stato reso possibile anche grazie alla proficua collaborazione intercorsa tra Comune di Bergamo, Regione Lombardia, Lombardia Informatica, Asl della provincia di Bergamo, ed anche grazie alla partecipazione alla sperimentazione di alcuni rappresentanti del mondo delle professioni.

k.manenti

© riproduzione riservata