Mercoledì 09 Giugno 2010

Enzo Riganti si propone sindaco
È il primo a candidarsi per Treviglio

A poco meno di un anno dalle elezioni amministrative, a Treviglio spunta il nome del primo candidato sindaco. È quello di Enzo Riganti, attualmente consigliere comunale di minoranza per l'Udc: ha infatti annunciato di voler scendere in campo a capo di una lista ancora da costituire, proprio «per cambiare» (come recita il logo da lui creato) il modo di amministrare e «dare» alla gente che chiede. Sessantuno anni, sposato e padre di cinque figli, Enzo Riganti è geometra libero professionista e si è avvicinato alla politica nella metà degli anni Sessanta, nella Democrazia Cristiana, ricoprendo anche l'incarico di assessore comunale ai Servizi sociali dal 1988 al 1993.

«Mi candido e mi metto a disposizione della gente, dei partiti, di chi vuole lavorare solo ed esclusivamente per il bene di Treviglio – ha dichiarato – quindi c'è ancora tempo per organizzarsi e per gettare le basi di un programma che dovrà cambiare in meglio la città». «Mi impegnerò per fare in modo che la macchina comunale funzioni meglio – ha affermato Riganti – e da qui predisporre quel meccanismo che porti maggiore attenzione verso il territorio, destinato con le grandi infrastrutture a significativi stravolgimenti, rivolgendo un occhio di riguardo alla salvaguardia delle attività agricole».

Sull'annunciata candidatura di Riganti il commento del sindaco Ariella Borghi è volutamente stringato: «Non commento lo specifico argomento perché ognuno è chiaramente libero di fare le scelte che vuole nei momenti che ritiene più opportuni. Per quanto mi riguarda non penso minimamente alle amministrative del prossimo anno in fatto di candidatura, ma rimango concentrata solo ed esclusivamente per lavorare e completare quel programma di mandato per il quale sono stata scelta dagli elettori quattro anni fa. La mia priorità per ora è quella di mantenere fede alle promesse che ho sempre fatto ai cittadini».

Per saperne di più leggi L'Eco di Bergamo del 9 giugno

fa.tinaglia

© riproduzione riservata