Mercoledì 05 Gennaio 2011

Bergamo attinge dai risparmi
E nel 2010 il 27% si è indebitato

La maggioranza delle famiglie lombarde (58%) chiude il 2010 con il proprio bilancio in pareggio e addirittura il 19% è riuscito a risparmiare, anche se il 24% per far quadrare i conti ha attinto dai propri risparmi o è ricorso al debito. Le famiglie di Bergamo sono però quelle che hanno fatto ricorso di più ai propri risparmi o si sono indebitate nel corso del 2010 (27%).

Lo rileva una statistica della Camera di Commercio di Monza e Brianza. Il 2010 si è chiuso leggermente peggio rispetto al 2009 (quando coloro che avevano chiuso il bilancio in pareggio o risparmiato erano il 79% contro l'attuale 77%) e la percezione della propria condizione economica diventa più negativa: il 41% pensa che la situazione della propria famiglia sia peggiorata nel corso del 2010 contro il 38% registrato nel 2009. Le famiglie lombarde che hanno fatto ricorso ai propri risparmi lo hanno fatto in primo luogo per fronteggiare le spese di tutti i giorni, dagli alimentari alle bollette (66%), e quindi per far fronte a quelle mediche (27%). Nessuno, o quasi, rompe il salvadanaio invece per concedersi beni di “lusso”.

E nel 2010 anche le famiglie di Monza e Brianza e Milano hanno iniziato a tirare la cinghia: se nel 2009 solo il 15% dei milanesi e dei brianzoli aveva attinto dai propri risparmi o si era indebitato, nel 2010 le due province si allineano alla media lombarda, con rispettivamente il 23% e il 24% dei nuclei famigliari “costretti” ad intaccare il proprio conto o a indebitarsi.

La situazione economica della famiglia nelle province lombarde In Lombardia, anche se meno rispetto alla media italiana, la maggioranza delle famiglie percepisce la propria situazione invariata rispetto allo scorso anno. Le famiglie bresciane sono le più ottimiste per quanto riguarda la chiusura del 2010: solo 1 su 3 crede che la propria situazione economica sia peggiorata rispetto all'inizio dello scorso anno. Bilancio familiare e risparmio nelle province lombarde Sono state le famiglie bresciane e quelle milanesi le più “brave” a far quadrare i conti del 2010: il 77% dei nuclei famigliari delle due province lombarde ha chiuso l'anno appena terminato con il proprio bilancio in pareggio o addirittura è riuscito a risparmiare.

e.roncalli

© riproduzione riservata