Mercoledì 09 Novembre 2011

Ancora tagli sull'edilizia sanitaria
Martina e Baroni: tolti 11 milioni

«Ancora tagli sugli ospedali bergamaschi: sono stati tolti 11 milioni per l'edilizia sanitaria». Lo affermano i consiglieri regionali bergamaschi del Pd, Maurizio Martina e Mario Barboni per i quali ci saranno «conseguenze pesanti sulle strutture del territorio».

«Il Consiglio dei Ministri - si legge in una nota dei consiglieri del Pd - ha approvato il 13 ottobre scorso la proposta di Legge di Stabilità per il triennio 2012-2014. Non c'è traccia dell'atteso finanziamento per l'edilizia sanitaria, concordato nel Patto per la salute 2009 e che prevedeva un incremento da 23 a 24 miliardi degli stanziamenti complessivi dell'ex. art. 20 del piano straordinario per le ristrutturazioni e costruzioni di nuove strutture sanitarie di edilizia. Questa cifra era già stata congelata con la manovra economica dello scorso anno e le regioni sono quindi rimaste in attesa dello sblocco dei fondi che avrebbe consentito l'avvio o il proseguimento degli accordi di programma».

«Nulla da fare quindi - proseguono Martina e Barboni - per l'intero VI Accordo Quadro in materia di edilizia sanitaria, deliberato dalla Giunta regionale già 19 mesi fa nel marzo 2010, e che aspettava il finanziamento nazionale per poter partire. Sono tagli senza criteri che avranno conseguenze pesanti sulle strutture del nostro territorio».

«Nel dettaglio per la provincia di Bergamo in particolare sono 4 gli interventi previsti che rimarranno sulla carta:

AO TREVIGLIO CARAVAGGIO, PRESIDIO DI CALCINATE
Intervento: “adeguamento dell'intero ospedale alle norme di prevenzione incendi così da ottenere la Certificazione di Prevenzione Incendi; sostituzione macchinari di trattamento aria e di macchina refrigerante, ormai vetusti e di vecchia generazione nei locali sala operatoria 1 e 2, sala parto, sala otorinolaringoiatra; ristrutturazione dell'attuale camera mortuaria, costituita da due locali in precarie condizioni igieniche e privi di impianti adeguati, con una struttura più ampia adeguata alla vigente normativa tecnico-impiantistica.”
Costo complessivo: 3.673.000€

AO TREVIGLIO CARAVAGGIO, PRESIDIO ROMANO DI LOMBARDIA
Intervento: “Adeguamento alla normativa antincendio dell'intero ospedale; spostamento ed adeguamento dell'attuale Day Hospital suddividendo il nuovo spazio in DH oncologico, DH diabetologico e DH ginecologico, redistribuzione concepita al fine di umanizzare gli attuali ambienti; realizzazione di un reparto di lungodegenze post acuzie.”
Costo complessivo: 4.020.000€

AO BOLOGNINI SERIATE, PRESIDIO DI SERIATE
Intervento: “adeguamento alla normativa in materia di accreditamento del Servizio di Radiologia. (creazione di percorsi differenziati di accesso alle varie diagnostiche presenti per pazienti ricoverati e pazienti ambulatoriali, salvaguardando la privacy dei pazienti; creazione di opportuni spazi dedicati al personale medico con sale di attesa, spogliatori e servizi igienici; realizzazione nuovo impianto di climatizzazione del servizio”
Costo complessivo: 1.054.000€

AO BOLOGNINI SERIATE, PRESIDIO DI LOVERE/ALZANO, PIARIO
Intervento: “realizzazione impianti fotovoltaici presso i tre presidi finalizzati alla promozione di fonti energetiche rinnovabili con l'obiettivo di arrivare all'autoconsumo totale della produzione di energia elettrica con conseguente risparmio economico e possibilità di investimenti in altre attività.”
Costo complessivo: 2.240.238€

e.roncalli

© riproduzione riservata