Domenica 06 Gennaio 2013

Impianti di risalita di Piazzatorre
Interpellanza di Milesi in Provincia

Il consigliere provinciale Vittorio Milesi (Lista Bettoni-Unione di Centro) ha inviato al Consiglio provinciale un'interpellanza in cui domanda quali iniziative la Provicia abbia in mente per risolvere il problema della chiusura degli impianti di risalita di Piazzatorre. Ecco l'interpellanza integrale.

Il sottoscritto Consigliere Provinciale, ai sensi dell'art. 34 del Regolamento del Consiglio Provinciale,
- visto che nelle scorse settimane è stata confermata la chiusura degli impianti di risalita del comprensorio Piazzatorre Ski Area in Comune di Piazzatorre per la stagione 2012/2013;
- considerato che tale situazione per la sua gravità accresce le preoccupazioni riguardo alle prospettive di sviluppo di un territorio duramente colpito sul versante dell'occupazione come quello della Valle Brembana;
- rilevato in tal senso che la chiusura degli impianti sta arrecando un danno gravissimo all'economia locale e che la particolare criticità della situazione è stata rappresentata negli scorsi giorni dalla massiccia protesta di albergatori, cittadini e dagli stessi turisti che frequentano la stazione sciistica;
- evidenziato che la Provincia aveva posto tra i suoi obiettivi strategici la promozione e il sostegno dei comprensori sciistici quale primo importante passo per il rilancio di tutte le Orobie;
- rilevato che la Provincia di Bergamo – come peraltro la Comunità Montana Valle Brembana – non risultano avere assunto un ruolo di riferimento e di collaborazione significativi con il Comune di Piazzatorre per consentire il superamento delle problematiche riguardanti il locale comprensorio sciistico;

INTERPELLA il sig. Presidente della Provincia chiedendo di ottenere informazioni riguardo alla chiusura degli impianti di risalita del comprensorio Piazzatorre Ski Area in Comune di Piazzatorre per la stagione 2012/2013 e di conoscere quali iniziative la Provincia abbia assunto o intenda assumere per consentire il superamento dell'attuale drammatica situazione.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata