Giovedì 04 Aprile 2013

Il Parco delle Orobie fa sistema
Visite guidate in Val Sanguigno

Il Parco delle Orobie Bergamasche, in collaborazione con il Comune di Valgoglio e Promo Serio, ha dato il via ad un'importante iniziativa di promozione della Val Sanguigno, paradiso della biodiversità, una delle zone più suggestive delle Orobie, collocata in Alta Val Seriana, nel comune di Valgoglio, ma ancora poco conosciuta anche tra gli appassionati di montagna.

Dalla prossima stagione estiva saranno a disposizione di tutti i cittadini gli Accompagnatori del Parco per la Val Sanguigno, operatori locali che potranno condurre tutti gli interessati alla scoperta di questo territorio meraviglioso, nel pieno rispetto delle sue bellezze naturalistiche e paesaggistiche. Tale iniziativa costituisce una della azioni realizzate nell'ambito di un più ampio progetto pluriennale denominato “Bi.O.S. – Biodiversità Orobica in Valle Seriana”, che il Parco sta sviluppando in partenariato con Provincia, Comune di Valgoglio, Oltressenda Alta e Valbondione, grazie ad un finanziamento della Fondazione Cariplo.

“L'azione di promozione della Val Sanguigno ha preso avvio nel 2011 con l'organizzazione del primo corso di formazione per Accompagnatori del Parco, rivolto a persone della comunità locale che, con passione, si sono impegnati e messi a disposizione per la realizzazione di un servizio di visite guidate in una delle valli più affascinanti del Parco delle Orobie Bergamasche, e far conoscere ed apprezzare ai visitatori le bellezze che caratterizzano il nostro territorio – spiega Yvan Caccia, presidente del Parco delle Orobie Bergamasche. - Quest'anno daremo concretezza a questa promozione, perché se è vero che la sostanziale integrità della Val Sanguigno è tale anche perché ancora estranea ai più battuti itinerari turistici, è altrettanto vero che crediamo che sia nostro dovere dare la possibilità a tutti di conoscere le meraviglie di questa zona, senza però intaccare i delicati equilibri che la rendono così speciale, con l'obiettivo di valorizzare, conservare e trasferire questo raro patrimonio alle generazioni future. Con questo intento, abbiamo sottoscritto una convenzione con Promoserio, a cui vanno i miei più sentiti ringraziamenti per aver messo a disposizione la propria struttura e le proprie competenze per la gestione operativa del servizio di visite guidate.”

Secondo la convenzione in essere con Promoserio, al Parco delle Orobie Bergamasche spetta la formazione degli accompagnatori, che nelle prossime settimane saranno coinvolti in un secondo ciclo di incontri formativi, condotti dall'associazione FAB (Flora Alpina Bergamasca) e da faunisti professionisti incaricati dal Parco di svolgere specifici studi sulla valle, oltre ad un incontro dedicato all'orso e al suo passaggio in Val Sanguigno, che sarà tenuto da Regione Lombardia il 19 aprile alle 20.30 al Municipio di Valgoglio.

“Promoserio ha accolto con entusiasmo il progetto, che valorizza una delle eccellenze naturali delle Orobie Orientali, perfettamente in linea con la più ampia strategia di valorizzazione del turismo verde denominata SERIO GREEN. L'intento è quello di promuovere questo luogo unico e ancora incontaminato, permettendone una fruizione consapevole da parte di chi vorrà scoprirlo – ha spiegato il Presidente di Promoserio Guido Fratta - Gli accompagnatori saranno a disposizione per illustrare curiosità e peculiarità di questa area, grazie alle lezioni organizzate dal Parco delle Orobie, ente associato alla nostra agenzia”.

Le caratteristiche uniche della Val Sanguigno sono il risultato della presenza di particolari condizioni ecologiche e della fertile compresenza di roccia, acqua e vegetazione, che favoriscono la vita di specie animali e vegetali di elevatissimo interesse scientifico e conservazionistico. È il caso della Lycopodiella inundata, pianta rarissima su tutto l'arco alpino e che in val Sanguigno ha l'unica stazione delle Alpi orobiche bergamasche, e dell'insetto denominato Ubychia leonhardi Reitter, coleottero endemico che vive solo in Lombardia, in alcune zone circoscritte delle Alpi Orobie e Prealpi lombarde, ma anche specie più note come l'aquila, il capriolo, il camoscio, l'ermellino.

“La Val Sanguigno è una delle valli più affascinati di tutta la Lombardia, un piccolo paradiso inviolato – commenta il sindaco di Valgoglio Eli Pedretti – che, anche grazie a questo servizio di visite potrà essere conosciuto da un ampio pubblico. Per dare ulteriore supporto all'iniziativa, il comune ha investito per dotare i luoghi da cui partono i principali itinerari di importati strutture di servizio, quali un parcheggio, fruibile a anche ad autobus, aree attrezzate per il pic-nic, ed una struttura in legno di 80 mq, dotata di luce ed acqua, che avrà la funzione di punto informativo e di ristoro. Struttura per la quale sarà a breve individuato un gestore, attraverso un bando dedicato”.

Le visite sono aperte a tutti, anche alle scuole, che con l'aiuto degli accompagnatori del Parco potranno organizzare uscite didattiche divertenti e sostenibili alla scoperta di un luogo unico.

Per Informazioni e per prenotare una visita: IAT VAL SERIANA E VAL DI SCALVE Promo Serio Tel. 035 704063 iat@valseriana.eu www.valseriana.eu

a.ceresoli

© riproduzione riservata