Lunedì 29 Luglio 2013

Cassinone, pompieri al lavoro
«Il capannone sarà ristrutturato»

Lavoreranno fino a martedì 30 luglio i vigili del fuoco impegnati al Casinone dopo il terribile incendio scoppiato sabato sera al capannone della tipografia Mazzucchelli, in via Cascina bruciata.

Decine di vigili del fuoco, forze dell'ordine, volontari, tutti impegnati a salvare il salvabile e a domare i residui del rogo che, scoppiato per cause accidentali (questa finora la tesi più accreditata) nel corso di una notte ha devastato il capannone, mandando letteralmente in fumo i frutti del lavoro di anni. Nella giornata di lunedì i vigili del fuoco stanno rimuovendo le bobine di carta e cartone bruciate e i detriti. Con domenica sono arrivati al 50% dell'attività e quindi il lavoro andrà avanti fino a mercoledì.

I danni non sono stati quantificati, ma si parla di milioni di euro tra capannone, macchinari e carta. I pompieri, dopo aver circoscritto le fiamme, hanno trasferito all'esterno decine di bobine di carta e le hanno bagnate in continuazione. Nel frattempo la nube di cenere si è sparsa per tutti i comuni della zona, fino a Martinengo, coinvolgendo i territori di Bagnatica, Carobbio degli Angeli, Gorlago. Lunedì, anche grazie alla pioggia, caduta in mattinata la situazione dell'aria è migliorata.

I dipendenti della tipografia Mazzucchelli sono in tutto 83, 17 dei quali lavoravano durante nel capannone andato a fuoco, mentre gli altri (tra impiegati amministrativi, dirigenti eccetera) lavorano nell'altra sede dell'azienda, che si trova nella limitrofa via Cà Bertoncina: lunedì i 17 lavoratori sono stati integrati in questa seconda sede. Con una notizia che è simbolo di speranza: dal direttore generale dell'azienda arriva infatti la garanzia che il capannone, attualmente inagibile al 100% a causa delle fiamme che lo hanno devastato, sarà ristrutturato completamente.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata