Lunedì 29 Luglio 2013

Disabili sensoriali, ciechi e sordi
La Provincia garantisce gli aiuti

La Provincia interviene in favore degli studenti con disabilità sensoriale inseriti in percorsi scolastici, per assicurare un supporto personalizzato a scuola per i più piccoli e a casa per gli studenti, attraverso un'assistente alla comunicazione.

La Giunta provinciale di lunedì 29 luglio 2013, su proposta dell'assessore alle Politiche sociali Domenico Belloli, ha approvato la delibera di proroga dell'Accordo tra la Provincia di Bergamo e l'Azienda Bergamasca Formazione per l'attività di lettorato anno scolastico 2013/ 2014 impegnando la somma di 347.445 euro di cui 115.892 per il periodo settembre-dicembre 2013 e 231.553 per il periodo gennaio-luglio 2014.

La Giunta ha deciso di riproporre tale gestione del servizio preso atto che, negli ultimi anni scolastici, l'Azienda Bergamasca Formazione ha gestito tale attività di lettorato per conto della Provincia con criteri di efficienza e efficacia e con rilievi positivi da parte delle famiglie e degli operatori e con la massima collaborazione con il settore Politiche sociali della Provincia.

L'attività, sarà gestita in conformità alle Linee guida per l'anno scolastico 2013/ 2014 - approvate dalla Giunta provinciale con deliberazione n. 207 del 1 luglio 2013 - per la realizzazione delle attività inerenti il Servizio integrazione disabili sensoriali.

Principalmente l'Azienda Bergamasca Formazione provvederà a garantire la presenza di lettori che affiancheranno, presso le sedi scolastiche o a domicilio, i 46 disabili sensoriali: i bambini e gli alunni ciechi o ipovedenti presso le scuole dell'infanzia e primarie e, prevalentemente a domicilio, gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado.

L'erogazione di tale servizio ha raggiunto nel corso degli anni standard qualitativi di assoluta eccellenza a fronte di una disponibilità di risorse sempre più esigua. Prorogati gli accordi con gli Ambiti territoriali Isola Bergamasca-Bassa Val San Martino, Romano di Lombardia, Seriate e Val Cavallina, ed approvazione Accordo con la Valle Brembana per la gestione del servizio di assistenza alla comunicazione per l'anno scolastico 2013/2014. La Provincia, per garantire gli istruttori educativi e gli assistenti alla comunicazione nelle scuole collabora con gli Ambiti territoriali, con i comuni o, nella maggior parte dei casi, procede con il proprio personale dipendente specializzato.

La Giunta provinciale, sempre su proposta dell'assessore Domenico Belloli, ha approvato la proroga degli accordi con gli Ambiti territoriali Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino, Romano di Lombardia, Seriate e Val Cavallina e approvato il nuovo Accordo con la Valle Brembana per la gestione del servizio di assistenza alla comunicazione per l'anno scolastico 2013/ 2014, impegnando la somma di 156.400 euro. Nel 2010 la Provincia aveva sottoscritto tali Accordi, prorogabili alla scadenza, per la gestione in termini sperimentali del servizio di assistenza alla comunicazione, così da integrarla maggiormente con gli interventi dei Comuni associati a favore dei disabili sensoriali.

Visti gli esiti positivi dell'attività svolta e l'assenso degli Ambiti territoriali interessati, è stato proposto alla Giunta di prorogare gli Accordi anche per l'anno scolastico 2013/ 2014 approvando altresì un nuovo Accordo con la Valle Brembana . In questo modo i cinque Ambiti territoriali interverranno per l'assistenza alla comunicazione presso le scuole affiancando 22 alunni e studenti sordi. Le delibere fanno seguito all'importante decisione di assicurare comunque le risorse per l'assistenza agli alunni e agli studenti disabili sensoriali per l'avvio dell'anno scolastico 2013/ 2014, nonostante le difficoltà della spending review.

Come sottolineano il presidente Ettore Pirovano e l'assessore Domenico Belloli: "Stante l'incertezza normativa rispetto al ruolo delle Province e alle disponibilità finanziarie per l'anno 2013, la Provincia di Bergamo ha comunque deciso di garantire il servizio di assistenza per l'integrazione scolastica dei disabili sensoriali impegnando le risorse necessarie. Nessun servizio è stato tagliato, anzi viene implementata l'attività formativa per l'utilizzo di nuovi strumenti informatici al fine di promuovere una maggiore autonomia nello studente, con una sicura ricaduta positiva anche nella vita professionale futura”.

Si rammenta inoltre che con successivi provvedimenti la Giunta e il settore Politiche Sociali e Salute provvederanno a stanziare le somme necessarie per tutti gli altri servizi previsti dalle Linee guida, quali l'attività formativa, le rette degli istituti specializzati e le sovvenzioni ai comuni che collaborano a garantire il servizio. Il totale dei disabili sensoriali per cui la Provincia attiva i vari servizi sono 168, presenti in oltre 100 comuni.

Come precisa il dirigente del settore Affari generali e Politiche sociali Silvano Gherardi: "Nelle more tra l'attuale e il futuro ordinamento e il nuovo ruolo delle provincie e dei comuni, vengono garantiti i diritti degli alunni con disabilità sensoriali e delle loro famiglie con la prosecuzione dei servizi realizzati negli ultimi anni. Sul piano concreto la realtà della Provincia di Bergamo, per i suoi numeri, la sua esperienza e la sua storia, offre un esempio positivo di buona pratica e di raggiungimento degli obiettivi con efficacia ed efficienza.”

m.sanfilippo

© riproduzione riservata

Tags