Domenica 12 Luglio 2009

Caos nei voli dell'estate
L'Enac convoca Myair

I ritardi e le cancellazioni di voli che venerdì hanno determinato gravi disagi a centinaia di passeggeri e provocati dalla compagnia Myair sono solo l'ultimo tassello di una situazione non facile che caratterizza la compagnia low cost. E proprio in seguito alle ultime vicende è arrivata la convocazione di Myair da parte dall'Ente nazionale aviazione civile per il 16 luglio prossimo. L'Enac vuole vederci chiaro e capire se la compagnia è in grado di operare in maniera efficace e corretta.

In una nota, l'Enac spiega che la convocazione «è volta ad una ulteriore verifica della capacità della compagnia Myair di operare con puntualità ed efficienza i voli per i quali ha venduto i biglietti, soprattutto in un momento di incremento del numero dei voli e dei passeggeri concomitanti alle vacanze estive». Il motivo della convocazione - spiega sempre l'Enac - è da ricercare nei «numerosi disservizi che in quest'ultimo periodo stanno fortemente limitando la puntualità e la regolarità dei voli» della compagnia Myair. Una compagnia che, rende noto l'Ente dell'aviazione civile, «al momento opera con una licenza provvisoria valida fino al 31 ottobre 2009 e che è continuamente monitorata dall'Enac per gli aspetti economico-finanziari». Non potevano dunque passare inosservati i disagi e i disservizi «a centinaia di passeggeri in diversi aeroporti nazionali con voli cancellati o fortemente ritardati».

Venerdì 10 luglio a Orio i voli Myair hanno subito una lunga serie di problemi. Nella mattinata sono stati cancellati i voli diretti a Napoli, Bucarest, Catania e Reggio Calabria, mentre nel pomeriggio le partenze per Palermo, Istanbul, Olbia e Marrakech hanno subito pesanti ritardi. Centinaia i passeggeri coinvolti dai disagi, provocati dalla mancanza di aeromobili: gli aerei che dovevano garantire le partenze non erano infatti disponibili. Anche alcuni giorni fa si erano verificati disagi simili, con lunghi ritardi nei voli diretti a Lampedusa, Olbia e Palermo.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata