Mercoledì 16 Settembre 2009

Malore davanti al figlio all'asilo
Paura per una mamma a Levate

Era appena andata a prendere all’asilo il figlio di cinque anni e lo stava facendo salire in auto per tornare a casa quando, improvvisamente, si è accasciata a terra perdendo completamente conoscenza.

Si sono vissuti minuti di paura e concitazione, martedì pomeriggio a Levate, dove la donna, una trentanovenne madre di due figli (il primogenito ha 16 anni), residente in paese, è stata colta da un grave malore sotto gli occhi del più piccolo. Dopo quasi mezz’ora di rianimazione, con massaggio cardiaco e respirazione artificiale, praticata dal personale del 118 giunto sul posto, la mamma ha ripreso conoscenza ed ora si trova ricoverata all’ospedale di Treviglio.

L’episodio è accaduto attorno alle 13.30, in via Cascine, piccola strada che si immette all’incrocio tra le vie Santuario e Fermi, dove ha sede la scuola materna parrocchiale. La donna, infatti, era andata a prendere il suo bambino all’asilo e aveva appena raggiunto l’automobile che aveva parcheggiato a una cinquantina di metri di distanza. Ma mentre stava aprendo la portiera anteriore laterale per fare salire il piccolo, è stata colta da malore e si è accasciata a terra priva di sensi, tra la sua auto e la vettura parcheggiata di fianco.

Tutto sotto gli occhi atterriti del figlio. Alla scena hanno assistito altre mamme che come lei erano andate a prendere i loro bambini, e una di queste ha chiamato il 118. Sul posto è giunta un’ambulanza e il personale sanitario ha subito intubato la donna, che continuava a rimanere incosciente, e a praticarle il massaggio cardiaco.

Nel frattempo, anche il marito della donna, i suoi suoceri e fratelli hanno raggiunto il posto e anche una folla di cittadini, attirati dal trambusto, si sono avvicinati. Dopo quasi mezz’ora, fortunatamente, la trentanovenne ha cominciato a riprendere conoscenza ed è stata caricata sull’ambulanza per essere portata all’ospedale di Treviglio, dove i medici la stanno tenendo sotto osservazione.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata