Lunedì 04 Ottobre 2004

A Camerata emergenza idrica Ottobre estivo: in arrivo la pioggia

È crisi idrica al comune di Camerata Cornello. Il sindaco della località brembana ha lanciato l’allarme per le frazioni di Brembella, Pagliari, Voltola e Bretto dove risiedono una quarantina di persone oltre alla presenza di sei aziende agricole che necessitano di acqua per l’irrigazione dei campi e il fabbisogno degli animali. Da tempo questa zona è rimasta senz’acqua a causa delle scarse precipitazioni di questa estate: già da agosto, il Comune aveva richiesto l’intervento di autobotti private che trasportavano l’acqua nelle frazioni e dopo un mese e mezzo di emergenza il sindaco Francesca Giudici ha chiesto l’intervento del Prefetto Cono Federico che ha programmato l’attività dei vigili del fuoco. Per far fronte all’emergenza, il personale dei vigili del fuoco di Bergamo si occuperà infatti dell’approvvigionamento idrico di Camerata Cornello. Richiesta esaudita, ma per riempire i bacini e gli acquedotti della zona, i pompieri hanno dovuto far ricorso a una speciale autobotte proveniente da Cremona.Certo è che i primi giorni di ottobre, invece di far pensare all’autunno, odorano ancora di fine estate, con temperature miti che ci hanno accompagnato per tutto settembre. E il caldo sta condizionando anche i primi rifornimenti idrici, specie per le utenze più sperdute o i paesini che non hanno una vera montagna e sorgenti alle spalle. Alla stazione meteo di Olmo al Brembo, i cinque giorni con pioggia del mese scorso hanno infatti portato un totale di soli 46 mm, contro una media trentennale che vede per settembre ben 176 mm. Siamo quindi in pieno deficit di pioggia estiva, complice in particolare un mese di giugno particolarmente asciutto, con soli 49 mm. Fortunatamente il caldo di quest’estate si è ben distribuito evitando, specie all’agricoltura, le problematiche dell’estate 2003. Ma nei prossimi giorni la situazione meteorologica cambierà: la vasta zona di alta pressione mediterranea, che da ormai 20 giorni tiene lontane le perturbazioni atlantiche, è in graduale indebolimento. Questo significa che un cambiamento evidente è atteso solo a partire da mercoledì, con un periodo di piogge che dovrebbe iniziare giovedì ed estendersi a tutta la seconda parte di questa settimana. La perturbazione sarà preceduta da correnti ancora tiepide e umide, di origine mediterranea, e di questa nuova aria in arrivo da sud ci si sta accorgendo in questi giorni, per il progressivo aumento della foschia a basse quote e per la sempre più frequente comparsa in cielo di banchi nebbiosi alti.

(04/10/2004)

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags