Ambrosioni: «Expo, grande opportunità  Ma attenzione all’abusivismo turistico»

Ambrosioni: «Expo, grande opportunità
Ma attenzione all’abusivismo turistico»

L’Expo è alle porte, e Confesercenti lancia l’allarme: «Attenzione ai fenomeni dell’abusivismo in tutti i settori merceologici ed in particolare proprio nel settore turismo».

Così è intervenuto il presidente di Confesercenti regionale, Giorgio Ambrosioni, in occasione di «Dillo alla Regione Lombardia», il momento di confronto istituzionale tra Pirellone e parti sociali al termine del secondo anno di mandato.

Ambrosioni - esprimendo apprezzamento per l’istituzione dei Distretti dell’Attrattività Turistica, considerati un volano di ulteriore sviluppo in sinergia con il commercio locale - ha sollecitato un intervento deciso per porre un freno al proliferare di strutture ricettive abusive: «Fenomeni atipici che fanno concorrenza sleale agli alberghi». Un chiaro riferimento alle tante strutture che purtroppo operano impunite al di fuori delle regole.

L'insegna di un B&B

L'insegna di un B&B

Il commento del presidente regionale arriva soprattutto in vista dell’imminente stesura del testo della nuova legge regionale ove è fondamentale assumere misure in grado di contrastare i fenomeni di «atipicità», talvolta «configurati in forme chiaramente elusive della legge». Si tratta, ha detto, di «una situazione cui è necessario porre freno».

Ambrsioni ha parlato anche della riforme delle Camere di commercio, oltre che dell’Expo. «Tema emergente da non sottovalutare – ha spiegato Ambrosioni - è la riforma delle Camere di commercio, un cambiamento ineludibile imposto dalla riduzione del diritto camerale, dalla riforma del titolo V della Costituzione: le imprese del commercio, del turismo e dei servizi, guardano al processo di riforma con estrema attenzione consapevoli dei rischi che potrebbero emergere, ma altrettanto convinte delle nuove opportunità che si profilano all’orizzonte di una riforma ben fatta».

Riguardo all’Expo, Ambrosioni ha auspica che si riveli «un’occasione per aggregare attorno a un tema a rilevanza mondiale la promozione delle vocazioni territoriali lombarde e una strategia propositiva che valorizzi l’integrazione, lo scambio e le relazioni tra commercio e turismo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA