Macigno sulle case a San Pellegrino Vietato utilizzare terrazzi e aree esterne

Macigno sulle case a San Pellegrino
Vietato utilizzare terrazzi e aree esterne

Paura a San Pellegrino per il distacco di un macigno di circa due metri cubi, che è andato a sbattere contro un’abitazione di via Galizzi.

Per precauzione, da giovedì il Comune ha ordinato il divieto di utilizzo di terrazzi e aree esterne retrostanti una quindicina di abitazioni di edilizia popolare, nella zona in cui si è staccato il masso.

La frana è caduta lunedì nella parte nord-est del paese in territorio privato, accanto alle gallerie della variante, da una parete rocciosa di fatto proseguimento della falesia di arrampicata di Sottocorna.

La parete dalla quale si è staccata la enorme pietra a San Pellegrino

La parete dalla quale si è staccata la enorme pietra a San Pellegrino

In via Galizzi le villette sono addossate al versante della montagna, dove, già una ventina di anni fa, furono posate delle reti paramassi. Il distacco del macigno, avvenuto intorno alle 16, si però verificato sotto le reti, a una ventina di metri dalle case.

Un tonfo sentito chiaramente da buona parte dei residenti che in quel momento si trovavano in casa. Il macigno, dopo avere travolto alcune piante, ha prima scavalcato un muretto, quindi è finito in un terrazzo, danneggiando il pavimento, distruggendo un tavolo e le sedie in legno. Fortunatamente in quel momento non c’era nessuno sul terrazzo.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 1 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA