Giovedì 31 Luglio 2014

Palazzetto dello Sport, dal Comune
l’ok al bando per sistemarlo

Il Palazzetto di Bergamo

L’annuncio ufficiale è arrivato: il Comune di Bergamo parteciperà al bando regionale che consentirà di ristrutturare parte del Palanorda.

«La priorità è risolvere la situazione della tribuna non agibile», commenta l’assessore ai Lavori pubblici Marco Brembilla che a seguito dell’appello lanciato dalla dirigenza della Foppapedretti e da Confindustria per trovare una soluzione alla «piccionaia» del palazzetto, ha voluto un incontro con la società sportiva, gli industriali e i vigili del fuoco.

«Per la prima volta tutte le parti interessate si riuniscono per discutere i problemi del PalaNorda – spiega Brembilla - un primo incontro a cui ne seguiranno molti altri. Vogliamo rendere questo modus operandi permanente per affrontare in maniera sinergica tutti i futuri sviluppi legati alla struttura e al suo utilizzo. È emerso un grande spirito di collaborazione da parte di tutti, ma soprattutto è emersa la volontà comune di intervenire sulla tribuna attualmente chiusa». La Regione ha istruito proprio ieri il bando con un contributo massimo di 50mila euro per la ristrutturazione di impianti sportivi e palestre: «Parteciperemo certamente – conferma l’assessore – anche grazie al sostegno di Confindustria, che ci garantisce il supporto tecnico. Potremmo iniziare i lavori entro pochi mesi, ma, tenendo in considerazione le esigenze sportive della Foppapedretti Volley Bergamo, interverremo al termine della prossima stagione. I lavori attualmente in corso termineranno entro il 18 di agosto, in modo da non interferire con gli allenamenti».

Soddisfatta anche Enrica Foppa Pedretti, vicepresidente di Foppapedretti Volley Bergamo: «L’incontro è stato un grande punto di partenza per instaurare un rapporto che possa condurre a risultati concreti. Ho apprezzato la presenza al tavolo e il sostegno istituzionale di Confindustria Bergamo; speriamo di proseguire sulla strada intrapresa per ottenere un palazzetto che, seppur insufficiente, diverrebbe almeno integralmente accessibile. Infatti l’obiettivo di tutti ora è quello di riuscire a sfruttare l’intera struttura del palazzetto, attraverso anche l’opportunità per il Comune di partecipare al bando regionale».

© riproduzione riservata