Calusco, novità in Italcementi
«Firmato un accordo una tantum»

I sindacati: «Con la sottoscrizione dell’intesa, si chiude un periodo di tensione tra la direzione aziendale e i lavoratori».

Calusco, novità in Italcementi «Firmato un accordo una tantum»

Al termine di quarantacinque giorni di confronto sindacale e dopo due scioperi, nello stabilimento Italcementi di Calusco d’Adda le rappresentanze sindacali unitarie di stabilimento e i sindacalisti di Bergamo hanno sottoscritto, il 24 marzo, un accordo legato a un meccanismo premiante «una tantum» sui periodi pregressi, collegati all’andamento economico dello stabilimento.

L’accordo, che è stato approvato dalle assemblee dei lavoratori con 73 voti favorevoli e 2 contrari, erogherà a ciascun lavoratore un totale di 600 euro lordi, di cui 375 euro con la mensilità di aprile 2015 e i restanti 225 euro al raggiungimento degli obiettivi prefissati.

«Con la sottoscrizione dell’accordo, si chiude un periodo di tensione tra la direzione aziendale e i lavoratori - hanno commentato Luciana Fratus di Fillea-Cgil, Danilo Mazzola della Filca-Cisl e Giuseppe Mancin di Feneal-Uil di Bergamo -. Ciò permetterà di focalizzare gli sforzi di tutti sui temi collegati all’organizzazione del lavoro, a partire dal miglioramento costante della sicurezza sul lavoro (priorità per entrambe le parti confermata dal fatto che alla data attuale sono 272 i giorni nei quali non si verificano infortuni in stabilimento), dalla programmazione dei turni, dalla definizione di un adeguato organico correlato con i volumi prodotti e dall’implemento della fungibilità professionale dei lavoratori sulle varie mansioni».

La ripresa delle relazioni sindacali ordinarie ha consentito di fissare per l’11 aprile un incontro (da diverso tempo richiesto) nel quale la direzione aziendale illustrerà alle Rsu di stabilimento, a Feneal, Filca e Fillea di Bergamo e a quelle regionali il progetto di implementazione dell’uso dei Combustibili Solidi Secondari. La Rsu e i sindacati, in quella sede, oltre a comprendere i vari aspetti e le eventuali modifiche del processo produttivo, espliciteranno la loro opinione sull’insieme del progetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA