Domenica 23 Maggio 2010

Rocca delle Macìe:
in alto i calici

Rocca delle Macìe - la prestigiosa azienda vinicola toscana con sede a Castellina in Chianti - aderisce alle manifestazioni che promuovono il vino nel ruolo di “prodotto turistico” a sostegno del territorio italiano. L'enogastronomia è al secondo posto per lo sviluppo del turismo in Italia e uno dei principali motivi per cui gli stranieri scelgono di tornare nel Belpaese: monumenti, arte e natura, si uniscono in una sola esperienza per gli enoappassionati in cerca di un contatto diretto con il vino e i prodotti del territorio.

Rocca delle Macìe, azienda storica del Chianti Classico, svolge un doppio ruolo in questa operazione di comunicazione del prodotto Italia, sia sul territorio che all'estero. Infatti, la distribuzione ormai pluridecennale dei suoi vini in molti Paesi esteri, con Stati Uniti e Canada in primo piano, poi Germania, Gran Bretagna, Francia, Spagna e altri, contribuisce anche a pubblicizzare in modo capillare il territorio toscano e, in senso più esteso, quello italiano. «In questo modo – commenta Sergio Zingarelli, patron di Rocca delle Macìe - la curiosità sul Paese d'origine di un prodotto diventa una forte motivazione alla scelta del viaggio. Rocca delle Macìe mette a disposizione, oltre ai suoi vini, l'azienda, la cantina, il suo borgo a Fizzano, per dare un contributo alla realizzazione di un disegno collettivo di accoglienza per appassionati del vino e visitatori curiosi da tutto il mondo. Anche dalla Lombardia e da Bergamo aspettiamo un buon afflusso di visitatori innamorati delle nostre colline, della pace che qui si respira e dei nostri vini».

Dal 29 maggio al 5 giugno si svolgerà la seconda edizione di "Classico è", la manifestazione ideata e coordinata dal Consorzio del Chianti Classico che, tra le altre, offre l'occasione di visitare luoghi solitamente chiusi al pubblico. Dal 30 maggio partirà la 17° edizione di "Cantine Aperte", evento organizzato dal Movimento Turismo del Vino durante il quale le cantine aprono le proprie porte al pubblico. Sarà per la primavera iniziata in ritardo, sarà per la voglia che sempre più spesso spinge i consumatori curiosi a visitare i luoghi di provenienza dei loro prodotti preferiti, ma quest'anno sono più forti le aspettative di successo di queste iniziative in tutti coloro - come a Rocca delle Macìe - che lavorano per la produzione di vini di qualità e per un'accoglienza turistica qualificata.

Roberto Vitali

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags