Venerdì 13 Gennaio 2012

Moio «sfida»
la Calabria

Una sfida culinaria a colpi di prodotti tipici, dove a vincere saranno soprattutto i buongustai. Prendono il via venerdì 13 gennaio a Moio de' Calvi le serate gastronomiche proposte dal Ristorante “Il Castagno”, aperto al piano terra del Municipio di Moio de' Calvi.

La location è ovviamente particolare ed è dovuta all'impegno del Comune che negli anni ha trasformato in un'opportunità aggregante gli spazi un tempo occupati dalle aule scolastiche. Da due anni il locale è gestito da Alex Galizzi, 35 anni di Camerata Cornello, e dalla moglie Patrizia Veneziano, originaria di Vibo Valentia in Calabria.

Ad aggiungere un pizzico di entusiasmo anche i due figli, Kevin di 9 anni e Desirée di 7 anni. “La clientela – confermano i titolari – apprezza in maniera crescente la cucina tipica e i prodotti della nostra terra. Abbiamo per questo pensato di proporre una serie di serate a tema, non escludendo una puntatina in terra di Calabria”.

Ecco allora l'inedita sfida a distanza, con la Bergamasca che alla classica polenta, affiancherà nella serata di apertura un carpaccio di bresaola e un risottino agli asparagi, ma soprattutto le rane, fritte in pastella di birra oppure con panna e salvia. Si continua fra “pota” e “alura” anche il 20 gennaio con la selvaggina e le tagliatelle di castagno ai porcini, mentre il venerdì successivo scenderà in campo la Fileja, la tipica pasta calabrese con broccolo e pomodorini, cui faranno da contorno in piccante successione la “salsiccia grigliata con pipi e patati” e le frittelle con fiori di zucca e soppressata. A sancire un probabile “pareggio” dovrebbero essere le deliziose mandorle al cioccolato.

A Moio insomma si fa sul serio, a confermare una vitalità a dispetto dei numeri (appena 200 abitanti) di cui tutti vanno orgogliosi. Per le cene tipiche (euro 25 a persona) è consigliata la prenotazione allo 0345.82675oppure attraverso il sito www.ilcastagnodimoio.com.

a.ceresoli

© riproduzione riservata