Giovedì 27 Giugno 2013

Gusto Dolce&Salato
successo per Zurolo

È nato a Vico Equense, nella penisola sorrentina, uno dei covi della ottima gastronomia italiana, visti i ristoranti “stellati” che ci sono. Oggi, da 12 anni,  vive a San Pellegrino Terme, dove ha trovato modo di esprimere la sua passione e competenza per il buon cibo mediterraneo. Si chiama Francesco Zurolo, 37 anni, figlio di un pasticciere, diplomato alla scuola alberghiera, con alle spalle esperienze di cucina in vari ristoranti e alberghi non solo in Italia ma anche in Europa e addirittura in Giappone. «Da 18 a 25 anni ho girato molti ristoranti e alberghi – afferma – proprio per avere esperienze e imparare il più possibile, poi, dal 2000, mi sono fermato a San Pellegrino e mi trovo benissimo».

Dal novembre 2000 insegna cucina e pasticceria all' Alberghiero di San Pellegrino e collabora con diverse strutture di cater-banqueting. Nel 2008 riduce il suo impegno con la scuola e apre, nel centro di San Pellegrino, il suo locale, “Gusto dolce&salato”,  una sorta di ristorazione completa a 360 gradi, dove prepara gastronomia d'asporto, pasticceria ma soprattutto cura il catering,  suo fiore all'occhiello (dal semplice rinfresco a casa, al matrimonio, cene sociali, party, gala dinner, ricorrenze varie).

 Il locale di via San Carlo 25 comprende una parte dedicata alla vendita, dove si può consumare senza somministrazione assistita e dove ci sono tutti i prodotti di pasticceria classica e internazionale confezionati e freschi in vetrina. Non mancano i dolci tipici  meridionali (pastiera napoletana, babà, cannoli siciliani). La parte del laboratorio è separata tra cucina e pasticceria e viene usata anche per corsi di cucina per professionisti e amanti del settore.

La sua bravura e immediata simpatia hanno fatto scegliere Zurolo anche per preparazioni tipiche bergamasche: la Comunità Valle Brembana gli ha affidato l'invenzione del panettone con le mele della valle, il birrificio Priula di San Pellegrino gli fa preparare  panettoni e colombe alla birra; Zurolo è famoso anche perché è l'unico pasticciere a cui la Cooperativa di Calvenzano cede una parte del raccolto del tipico melone locale per preparare i canditi da inserire in colombe e panettoni.

Per ora fidanzato e pieno di voglia di fare, Zurolo non si accontenta e ne sta inventando un'altra. In collaborazione con Zani Viaggi vuole usare un vecchio bus inglese a due piani adibendo il piano superiore a ristorante per 24-30 persone. Si pensa a cene estive di vario genere preparate a bordo, con la possibilità al contempo di ammirare le bellezze Liberty della cittadina termale. www.gustodolceesalato.it

Roberto Vitali

r.clemente

© riproduzione riservata

Tags