Nuovo birrificio Otus a Seriate Si parte con la Birra del Palma

Nuovo birrificio Otus a Seriate
Si parte con la Birra del Palma

Con il nome latino di «Otus» (in italiano, gufo, nel senso di animale saggio da cui apprendere) ecco nascere a Seriate un nuovo birrificio, con il quale superano ormai la dozzina i birrifici artigianali bergamaschi.

Otus si distingue da subito per essere una srl a vasta base societaria: 25 soci - di cui tre fondatori, la presidente Anna Cremonesi e Raoul Tiraboschi con il 10% e Ruben Agazzi con il 5%, gli altri con quote dal 2% al 5% - con il proposito di proporre birre artigianali di qualità molto legate al territorio. Gli intenti imprenditoriali comprendono anche connotazioni ambientali e sociali (vedi la presenza della cooperativa Aeper, presidente Raffaele Casamenti, che opera a favore di persone disagiate e in difficoltà). Il birraio è Mauro Bertolini, dottore in enologia con alle spalle esperienze all’ estero nel mondo della birra.

La produzione Otus nel 2015 si attesterà sui 100 mila litri, anche se l’ ambizioso obiettivo nel medio-lungo termine è di arrivare a un milione di litri. La distribuzione è affidata alla 4R di Torre de’ Roveri, il cui presidente Giampietro Rota è nel Cda di Otus assieme a Anna Cremonesi, Ruben Agazzi, Micaela Barni e Ernesto Marchesi.

Il nuovo birrificio

Il nuovo birrificio

Le prime birre Otus vengono commercializzate proprio in questi giorni: sono una ambrata e una doppio malto, della linea «Art Collection», entrambe con etichetta dedicata alla mostra di Palma il Vecchio. La «birra del Palma» ambrata è aromatizzata al ginepro, con aggiunta di miele prodotto dall’ agriturismo La Péta di Costa Serina (l’accostamento alle origini di Palma il Vecchio è evidente).

Sono prodotte anche una doppio malto e una speciale rossa, sempre dedicate a Palma il Vecchio. Altre etichette seguiranno più avanti, nelle linee Classica, Speciale e Stagionale. Ogni birra Otus, è evidente per chi cerca la qualità, non è né pastorizzata né filtrata. Grazie all’accordo raggiunto con la Domus Bergamo, le birre Otus possono essere degustate, in bottiglia o alla spina, nella «vetrina» Expo in piazza Dante a Bergamo da adesso e per tutto il periodo dell’Expo.

Il Cda: da sinistra  Agazzi, Barni, Bertolini (birraio), Cremonesi (presidente) e Rota (4R)

Il Cda: da sinistra Agazzi, Barni, Bertolini (birraio), Cremonesi (presidente) e Rota (4R)

Il gufo occhieggia sull’insegna della sede di via Rumi a Seriate: i clienti possono chiamare al numero 035 296473, in attesa dell’ avvio del sito www.birrificiootus.com. Il neonato birrificio riprende la tradizione della birra di Seriate, la cui acqua, per la sua leggerezza, è considerata ideale per la produzione di «pane liquido» (così è anche chiamata la birra). Accanto ovviamente al malto, al luppolo e agli altri ingredienti, tutti di qualità, per ora importati dalla Germania e dal Belgio ma che in futuro potrebbero essere prodotti in loco.


© RIPRODUZIONE RISERVATA