Vino? No, birra bergamasca Ed è fatta con il Moscato di Scanzo

Vino? No, birra bergamasca
Ed è fatta con il Moscato di Scanzo

A Scanzo c’è «Mùscat» ed è una birra prodotta dalla cantina di Francesca Pagnoncelli, aggiungendo al malto, una percentuale di mosto di moscato di Scanzo.

Doppia fermentazione con lieviti diversi, affidata al birrificio Alvemar di Rovello Porro, in provincia di Como. Birra di sostanza e di gradazione alcolica generosa, 8,5 gradi, dai profumi originalissimi, che ricordano quelli del moscato di origine ma con una nota di «foxy» (volpino) nettamente più intensa rispetto al vino, dal gusto morbido, avvolgente, dal finale più speziato che fruttato. Una birra di spessore, da abbinare a formaggi stagionati o erborinati, oppure ad alcuni dei piatti forti della tradizione lombarda. Il pubblico bergamasco potrà gustarla anche durante la prossima Festa del Moscato, prevista dal 6 al 9 settembre prossimi.

Scopri di più acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 1° giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA