Lunedì 19 Agosto 2013

Se il Principe si allarga

Sua Altezza Reale il principe Carlo – primo in linea di successione al trono britannico, ultimo nei sondaggi di popolarità, scavalcato dal figlio William e forse anche dal nipotino George Alexander Louis – non è dotato solo di una pazienza regale, quella con cui sopporta la longevità di sua madre la regina d'Inghilterra.

Pare infatti che il principe di Galles – all'anagrafe Charles Philip Arthur George Windsor – abbia sistemato suoi fedelissimi in posizioni chiave di alcuni ministeri le cui competenze sono legate ai suoi interessi. Lo scrive il Sunday Times sollevando nuovi e inquietanti quesiti sulle presunte ingerenze presso il governo, di cui Carlo è già stato accusato in passato. In questo caso tuttavia, il primogenito di Elisabetta II sarebbe andato oltre una già controversa attività di lobbyng in difesa dei suoi interessi, che vanno dall'ambiente all'agricoltura fino alla conservazione architettonica.

Secondo il domenicale un dipendente di Carlo ha lavorato per due anni presso il Consiglio dei ministri mentre un altro è stato accreditato per 14 mesi presso il ministero dell'Ambiente. L'ufficio del principe di Galles ha confermato che tre dipendenti di Carlo sono stati impiegati in alcuni ministeri, ma senza rivelarne l'identità e le mansioni svolte. Il malcontento serpeggia sotto il cielo di Londra: «Ci si chiede – lamentano voci della dirigenza ministeriale – se il principe Carlo non stia sconfinando rispetto alla sua posizione di "monarca costituzionale in attesa"». Il principe sa aspettare, ma non gli piace perdere tempo.

Marco Dell'Oro

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags