Mercoledì 05 Giugno 2013

Defender LXV
Special edition

Land Rover celebra i primi 65 anni con il lancio dell'edizione speciale Defender LXV che ora arriva anche in Italia. Da quando Maurice Wilks tracciò i primi schizzi del nuovo veicolo sulla sabbia, l'obiettivo primario di Land Rover è stato la creazione di veicoli capaci di affrontare qualsiasi terreno.

Questo è il principio che nel tempo ha reso famosa Land Rover nel mondo, dall'inizio della produzione nel 1948. La special edition Defender LXV ricorda, in numeri romani, il sessantacinquesimo anniversario. Il modello Defender, evoluzione dell'originale Land Rover, fu lanciato nel 1990. A tutt'oggi famiglia Land Rover Series I, II, III e la linea Defender hanno superato i due milioni di unità vendute.

La versione celebrativa Defender LXV è disponibile, per il mercato italiano, nella versione 90 SW e, basata sul Defender di serie, monta il motore 2.2 litri da 122 CV a 3.500 giri/min e 360 Nm a 2.000 giri/min, con trasmissione manuale a 6 rapporti.

Questa Special Edition viene prodotta in due soli colori: Santorini Black e Fuji White. La griglia frontale è nera, con la cornice, il profilo dei fari e il tetto a contrasto di colore Corris Grey. Monta cerchi in lega Sawtooth da 16''. Caratteristica di questa edizione speciale le decalcomanie con il logo LXV sulle portiere e al posteriore, insieme con quella dell'Union Jack.

Il Defender LXV monta, inoltre, sedili di pelle premium Ebony con cuciture a contrasto arancione e il logo LXV in rilievo sui poggiatesta anteriori. Le cuciture a contrasto arancioni sono presenti anche sul volante in pelle, sul cassettino centrale ed i tappetini. Il pannello della plancia ha la tinta Corris Grey.

Gli equipaggiamenti standard del Defender LXV comprendono aria condizionata, autoradio con cd compatibile mp3, presa Aux e connettività Bluetooth, ABS/ETC, pedane laterali, tergilunotto posteriore, paraspruzzi anteriore e Cold Climate Pack. Il Defender LXV sarà in vendita al prezzo di 40.000 euro, iva e messa su strada incluse.

Daniele Vaninetti

m.sanfilippo

© riproduzione riservata

Tags