Sabato 01 Novembre 2008

Lusso Mercedes con la serie «Carl Benz»

Mercedes ha deciso di «battezzare» la prima serie speciale nella storia della Classe S con il nome di uno dei fondatori della casa tedesca: Carl Benz. Un’auto di lusso, realizzata in una tiratura limita di soltanto 700 pezzi destinati esclusivamente al mercato italiano ed equipaggiati di tutto punto.

Non è facile riconoscere al colpo d’occhio la Carl Benz da una normale Classe S. La personalizzazione, infatti, è molto discreta. L’elemento più vistoso sono i cerchi da 19 pollici griffati AMG, cui si devono anche i nuovi paraurti e le minigonne dal taglio leggermente più sportivo. All’interno, sul mobiletto centrale c’è l’autografo in alluminio di Herr Benz. I sedili sono rivestiti in nappa e tutti a regolazione elettrica. Poggiatesta soffici, con inseriti nella parte posteriore gli schemi da 8 pollici del Rear Seat Entertainment, con anche due cuffie per chi viaggia dietro. L’impianto stereo ha ben 13 altoparlanti e soddisfa anche i più esigenti.
Dotazione di sicurezza ai massimi livelli. La Carl Benza adotta il sistema Night-view, che, grazie agli infrarossi e a uno schermo che rimpiazza il tradizionale tachimetro, permette di vedere su un visore nella strumentazione ben più di quanto venga illuminato dai fari. C’è poi anche il Distronic Plus, un regolatore di velocità attivo capace di gestire la distanza di sicurezza fino all’arresto completo, qualora chi precede arrivasse a fermarsi. E se il dispositivo non fosse attivo, ecco entrare in azione un altro marchingegno elettronico, il Pre-Safe, che, fiutato il rischio di un eventuale incidente, predispone l’auto per limitare i danni, specie quelli ai passeggeri.
Naturalmente il prezzo è misurato al lusso offerto e supera di diverse migliaia di euro le normali versioni Avantgarde. Qualche esempio: la 320 CDI è proposta a 98.680 euro a trazione posteriore e a 102.610 euro con trazione integrale 4Matic, mentre la punta di diamante della Carl Benz è la 500 4Matic, proposta a 121.770 euro.

(01/11/2008)

a.campoleoni

© riproduzione riservata

Tags