Cambio automatico e metano
nel futuro della gamma Fca

In certi momenti della vita si avverte la necessità di cambiare comportamento e abitudini. Succede agli uomini, ma non solo. Quest’ultimo è il caso della Fiat Chrysler Automobiles (Fca) che ha deciso di farsi fautrice del cambiamento in due ambiti: la trasmissione automatica e l’alimentazione a gas

Cambio automatico e metano nel futuro della gamma Fca

Il mercato del cambio automatico è in costante aumento negli ultimi anni, con significative percentuali di crescita nei segmenti delle berline e, soprattutto, nella fascia dei SUV di taglia grande, dove la mix automatica è richiesta ormai dal 72% degli acquirenti. Inoltre gli studi di settore hanno messo in luce come la trasmissione automatica sia ormai un importante motivo di scelta dell’auto (è secondo soltanto allo stile). E chi lo ha provato, ne apprezza a tal punto i pregi, da non tornare più indietro. Sulla base di questi elementi Fca ha deciso di investire energie e risorse sulla diffusione della trasmissione automatica, elaborando una strategia finalizzata a “democratizzare il cambio automatico” che, per il mese di maggio, viene proposto in omaggio su Fiat 500X, Fiat Tipo e Fiat 124 Spider, Abarth 124 Spider, Alfa Romeo Giulietta e Jeep Renegade.

L’attuale offerta di Fca si compone di quattro diverse tipologie di trasmissioni, due accoppiate a motori longitudinali (ZF a 8 rapporti e Aisin 6), le altre due a propulsori trasversali (ZF a 9 rapporti e Ddct a doppia frizione 6 marce sviluppato da FCA e prodotto nel premiato stabilimento di Verrone nel Biellese). Sono dispositivi “tagliati su misura” in grado di esaltare le differenti “mission” dei modelli su cui sono montati. Le versioni 4x4 di Jeep Renegade e Fiat 500X dispongono, ad esempio, del cambio automatico a 9 marce che garantisce una coppia elevata alle basse velocità durante l’impiego off-road. La trasmissione automatica a doppia frizione, invece, privilegia sulla Fiat Tipo le esigenze di comfort e facilità di utilizzo, mentre esalta l’anima sportiva dell’Alfa Romeo Giulietta, grazie ad una erogazione di coppia e di trazione continua, senza perdita di potenza durante il cambio marcia.

Abbiamo avuto l’opportunità di testare su strada due dei quattro cambi automatici di FCA. Le sensazioni ricavate confermano la bontà delle soluzioni di messa a punto adottate. Sulla Jeep Renegade lo Zfa 9 rapporti è preciso, fluido nella cambiata, ben insonorizzato ed ha un eccellente spunto. Sulla Fiat Tipo 1.6 Jtdm da 120 CV, che abbiamo provato più a lungo, il cambio a doppia frizione risulta altrettanto prestazionale e garantisce lo stesso confort di guida di una trasmissione automatica tradizionale, riducendone però consumi ed emissioni. Nel ciclo combinato la casa dichiara un consumo di 3,7 l/100 km di carburante (attivando lo start & stop, in modalità eco e guidando con il piede “leggero”) con 99 g/km di emissioni di CO2, ma nella nostra prova alla velocità di 130 km/h in autostrada oppure nel traffico cittadino nelle ore di punta la Tipo ha bevuto quasi 7 litri di gasolio ogni 100 km, un risultato comunque ragguardevole.

Tra le diverse strade che si possono percorrere per ottenere una mobilità più sostenibile, FCA ha deciso di puntare sempre più sul metano. Il Gruppo, nato dalla fusione tra Fiat e Chrysler, è leader nel campo delle tecnologie relative a questo tipo di alimentazione, vantando un’esperienza ormai ventennale. La prossima frontiera dei carburanti gassosi è rappresentata dal biometano prodotto dai fanghi di depurazione e dalle acque reflue e, al riguardo, dallo scorso mese di marzo alcune Panda Natural Power così alimentate stanno percorrendo in via sperimentale migliaia di km sulle nostre strade.

L’auto alimentata a metano offre quattro innegabili vantaggi: è ecologica (è il combustibile più pulito tra quelli commercialmente disponibili), sicura (i veicoli a metano parcheggiano anche nelle autorimesse interrate), pratica (le vetture Fca nascono con il doppio serbatoio e garantiscono una grande autonomia) ed economica (consente un risparmio superiore al 40% rispetto all’alimentazione a benzina). Attualmente in Italia circolano oltre un milione di auto alimentate a metano e FCA offre una gamma di ben 12 modelli in grado di rispondere a ogni esigenza di mobilità e trasporto (Fiat Panda, 500L, 500L Living, Punto, Qubo, Lancia Ypsilon, Fiat Professional con Panda Van, Fiorino, Doblò, Doblò Cargo, Ducato, Ducato Panorama).

Tuttavia, affinché la domanda di questo tipo di vetture continui a crescere, è necessario che aumenti anche la capillarità della rete di distribuzione del metano. A questo scopo Fca, Iveco e Snam hanno firmato un memorandum d’intesa. Snam, che in Italia gestisce una rete di oltre 32 mila km, investirà 150 milioni di euro nei prossimi 5 anni per incrementare la rete di distribuzione del metano per autotrazione, attualmente composta da circa 1.100 stazioni, con l’obiettivo di raddoppiarne il numero nell’arco di un decennio. Un programma ambizioso con positive ricadute in termini occupazionali. Da parte sua Fcacon la campagna «EcoFree», che coinvolge la gamma ecologica GPL e metano, a seconda del modello Fiat o Lancia scelto offre per il mese di maggio ai clienti vantaggi fino a 5 mila euro, che diventano 6 mila euro se si sceglie il finanziamento EcoFree. Sulla gamma ecologica professionale a metano (Ducato, Fiorino e Doblò) i vantaggi possono arrivare fino a 12 mila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA