Ginevra 2016, il Salone della ripresa 130 anteprime mondiali ed europee
Aston Martin DB11

Ginevra 2016, il Salone della ripresa
130 anteprime mondiali ed europee

Tutto ciò che gravita nell‘Industria automobilistica mondiale, e nei suoi dintorini, si incontrerà dal 3 al 13 marzo al Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra n.86, la rassegna di settore più internazionale e anche quella più amata e seguita dal pubblico italiano.

I grandi costruttori, carrozzieri e preparatori di auto accoglieranno i visitatori - stimati in oltre 700.000 unità - con quasi 130 anteprime mondiali ed europee. Subito un tributo alla multimedialià: l’esordio dell’App Salon Car Collector che permetterà a chi arriva al Palexpo, sul lago elvetico, di individuare subito i veicoli più ecologici e di vincere un’automobile.

Attesa per il Salone di Ginevra

Attesa per il Salone di Ginevra

La manifestazione, presentata giovedì 18 febbraio, all’Hotel Gallia (Gruppo Starwood) a Milano prenderà il via con l‘elezione della «Car of the Year 2016», che avviene ancora prima dell’apertura del Salone. Seguono due giornate intense riservate alla Stampa (1 e 2 marzo) con circa 70 conferenze stampa. Il Salone aprirà, poi, le sue porte al grande pubblico il 3 marzo, alla presenza del ministro degli Interni svizzero Alain Berset.

I contenuti principali della rassegna, comprese le novità, sono state illustrate dal presidente del Salone, Maurice Turrettini, alla stampa e ai media italiani arrivati nel capoluogo lombardo. Nessun riferimento diretto al recente «dieselgate» ma molte sottolineature sulla ripresa dell’automotive che per tutto il 2015 ha trainato la «ripresina» dell’Eurozona e anche del nostro Paese (quella che l’economista Giacomo Vaciago ha definito la «ripresa Marchionne»).

Salone di Ginevra

Salone di Ginevra

«Questa nuova edizione - ha spiegato Turrettini - si aprirà in un contesto caratterizzato da un incremento del 7,2% delle vendite di auto nuove in Svizzera. La stessa tendenza si è registrata in Europa ma in misura ancora più marcata (+ 9.5%) sino alla punta di dicembre con un aumento del 15,6% sullo stesso periodo del 2015. Negli Stati Uniti - ha continuato il presidente del Salone «co-sponsorizzato» da TAG Heuer, celebra marca dell’orologeria svizzera - si è fatto ancora di più».

Tag Heuer, co-sponsor del Salone di Ginevra

Tag Heuer, co-sponsor del Salone di Ginevra

Ancora i numeri: a Ginevra saranno presenti, in totale, 200 espositori provenienti da 30 Paesi che presenteranno i loro prodotti su un’area espositiva di ben 106.000 metri quadrati. Quest’anno saranno protagonisti i nuovi suv compatti ma c’è molta attesa per le ultime proposte di Aston Martin, Maserati, Lamborghini e Porsche, per citare i marchi più blasonati. Una sottolineatura particolare: «Incoraggiamo i nostri visitatori a utilizzare i mezzi pubblici, grazie anche ai treni speciali predisposti dalla CFF e ai mezzi pubblici della città di Ginevra», ha concluso Turrettini.

Come dire che per andare a vedere delle belle auto si può tranquillamente usare i mezzi pubblici: «Non è assolutamente una contraddizione», afferma tranquillamente il numero uno del più glamour e internazionale dei Saloni europei.

Daniele Vaninetti


© RIPRODUZIONE RISERVATA