La sfida di Kia Rio  nel segmento B

La sfida di Kia Rio
nel segmento B

Porte aperte nel fine settimana, oltre un mese di promozione in giro per l’Italia (tappa anche a Bergamo), sconti e concorsi a premi: così Kia lancia la sua Nuova Rio.

Siamo alla quarta generazione di un’auto venduta sino ad ora in oltre 473.000 esemplari, pari al 15% delle vendite totali del marchio coreano. Se la si sceglie entro la fine di marzo la promozione sul livello più alto supera i 3.000 euro. Questa volta si punta a sfidare le concorrenti più dirette dell’affollatissimo segmento B (Fiat Punto e Renault Clio intesta) proponendo un inedito insieme di nuove caratteristiche: design moderno e raffinato, spazio e praticità ai vertici del segmento, le migliori tecnologie di sicurezza, dotazioni elettroniche all’avanguardia, connettività e doti di guidabilità più evolute.

Giuseppe Bitti, ad di Kia Italia non ha dubbi: <Rio, in quanto best seller mondiale e seconda forza del brand in Italia, è un’auto molto importante per noi e il segmento a cui appartiene è uno dei più competitivi in assoluto. La generazione precedente ha fatto un grande lavoro di conquista di nuovi clienti che, ora, la nuova versione dovrà confermare e accentuare>. Lo stile moderno della carrozzeria e degli interni sono il frutto del lavoro congiunto dei centri stile Kia di Francoforte in Germania e di Irvine in California, in stretta collaborazione con lo studio centrale di Namyang in Corea. Il frontale riprende l’ultima evoluzione della caratteristica grigia a naso di tigre, che ora è più sottile in altezza e più estesa in larghezza, in modo da raccordarsi con i gruppi ottici nei quali sono integrati i proiettori con funzione diurna a Led. I gruppi dei fari supplementari sono spostati più all’esterno nello scudo paraurti mentre il cofano allungato è percorso dagli spigoli che partono dalla base del montante verso i gruppi ottici e la griglia. Nella vista laterale la silhouette appare più lunga ed equilibrata, con il frontale allungato e lo sbalzo più accentuato. Il passo è cresciuto di 10 mm (fino a 2.580 mm) e il sottile montante posteriore segna la parte finale dell’abitacolo e la coda con uno sbalzo estremamente ridotto.

Le differenze principali rispetto alla versione attuale riguardano la parte anteriore, con il cofano e lo sbalzo più lunghi e il montante posteriore poco inclinato, che rendono il look più equilibrato e gradevole alla vista. Le nuove dimensioni portano la lunghezza a 4.065 mm (+15 mm rispetto alla versione attuale) e l’altezza a 1.450 mm (5 mm in meno dell’attuale). Gli interni sono stati studiati per migliorare ulteriormente l’ergonomia oltre a proporre un ambiente di qualità. La plancia è leggermente orientata verso il posto guida per migliorare visibilità e accessibilità dei comandi; caratteristica che gli conferisce un tocco premium.

Al centro è posizionato il grande schermo touch screen ad alta definizione, fino a 7 pollici, che gestisce il sistema HMI (Human-Machine Interface) per le funzioni di intrattenimento, di navigazione e di connettività. Nella parte inferiore si trovano i comandi della climatizzazione studiati per la massima comodità e intuitività di azionamento. Gli equipaggiamenti comprendono, a seconda delle versioni, tutte le soluzioni più moderne per il comfort di viaggio: dal sistema di accensione e avviamento senza chiave al sensore pioggia e ai proiettori a regolazione automatica. Sono disponibili, fra l’altro, il Cruise Control, il limitatore di velocità e il Rear Park Assist con la telecamera posteriore.

La capacità del vano bagagli cresce di 25 litri (+13%), fino a 325 litri nella misurazione VDA che è un valore fra i più alti della categoria e l’accessibilità è favorita dall’ampia apertura del portellone. Lo spazio è stato ottenuto malgrado la riduzione dello sbalzo posteriore di 15 mm (ora 655 mm) che è un elemento chiave dell’estetica della vettura. La gamma di motorizzazioni comprende propulsori a benzina e diesel in grado di coniugare performance e consumi e tutte le versioni sono equipaggiate di serie del sistema Kia ISG (Idle Stop & Go). Il modernissimo tre cilindri 1000 T-GDI (Turbo Gasoline Direct Injection) è la risposta di Kia alla tendenza verso il downsizing delle cilindrate e la sovralimentazione turbo e sarà uno dei pilastri della nuova Rio. Assieme alle basse emissioni e alla grande efficienza, il basso peso di questo motore influisce anche sulle caratteristiche di guida perché riduce il carico sulle ruote anteriori e migliora il bilanciamento della vettura.

Accanto al 1000 T-GDI sarà disponibile un 1.2 da 84 CV con un consumo medio dichiarato di 4,8 litri/100 km ed emissioni di CO2 di 109 gr/km. L’alternativa a gasolio consiste nell’efficiente 1.4 diesel, in versioni da 77 o 90 CV. La trasmissione alle ruote anteriori avviene tramite un cambio manuale a 5 marce con i motori 1.2 e 1.0 turbo da 100 CV, mentre per i motori diesel il cambio manuale è a sei marce. Fra gli obiettivi del progetto della nuova Rio è fondamentale il livello di sicurezza alla cui base c’è l’adozione di una serie di equipaggiamenti che rientrano negli Advanced Driver Assistance Systems (ADAS) sviluppati da Kia. In questa prospettiva la nuova Rio è la prima auto del segmento B a disporre, a seconda delle versioni, del sistema di riconoscimento dei pedoni con frenata automatica AEB (Autonomous Emergency Braking). Il dispositivo utilizza un radar a lunga portata e una telecamera per individuare gli ostacoli ed arrestare la vettura evitando l’urto.

Prezzi a partire da 13.100 euro (allestimento City con il 1.2 benzina). Dopo il porte aperte di sabato e domenica, e nel corso dei sette giorni successivi, i clienti potranno partecipare ad un contest e vincere una Rio al giorno o altri premi messi a disposizione dai partner Trony e Feltrinelli. Il tour promozionale in 12 città italiane toccherà anche Bergamo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA