Salone di Parigi 2016  Un  ottobre stellare
La Renault Twingo GT

Salone di Parigi 2016
Un ottobre stellare

La fine dell’estate coincide con il conto alla rovescia per il Salone mondiale dell’Automobile di Parigi (1-16 ottobre) dove elettrico, ibrido, guida autonoma, nuovi sistemi di mobilità intelligente la faranno da padrone.

Il Motor Show della Ville Lumiere (Paris Expo-Porte de Versailles) ha una cadenza biennale, alternandosi con quello di Francoforte, ma la sensazione è che quest’attesa di due anni non sia stata vana se non altro perché nella capitale francese sono attesi un milione e 250 mila visitatori. Un pubblico da primato assoluto per vivere insieme questa, possibile, «nuova era» dell’automotive. Se Ginevra sembrava aver, almeno in parte, rinunciato all’auto green (eliminando il padiglione a tema per volontà delle case), i francesi, invece, lo confermano (spazio espositivo n.3). Anche perché molte delle anteprime e delle novità che sfileranno a Parigi sono proprio a motore ibrido o elettrico. Anche quelle più costose e blasonate.

L’ibrido secondo Hyundai

L’ibrido secondo Hyundai

A Parigi, hanno già fatto sapere gli organizzatori, non ci saranno solo le anteprime mondiali ed europee ma molti marchi - ecco lo sguardo proiettato sul futuro - sveleranno i loro piani produttivi per i prossimi cinque anni. E non si discuterà di guida autonoma o di veicoli intelligenti ma li si proverà direttamente per le strade parigine cercando di dare risposte concrete e fattibili alla crescente domanda si soluzioni a misura d’uomo per la mobilità di domani, servizi compresi.

Le prime anticipazioni svelano che Bmw, ad esempio, è sempre più lanciata nei suoi prossimi 100 anni e nella capitale transalpina porterà, tra l’altro, un’edizione in soli 500 esemplari della nuova M3 accanto a tutta la sua linea più «ecologica». In puro British Style, Jaguar stupirà i visitatori con il suo primo Suv F-Pace. Ma arriva anche la “prima” mondiale di Ioniq (tre motorizzazioni), l’ibrido secondo Hyundai. Poi spazio alla versione GT della Twingo, derivazione di Renault Sport. E che dire della nuova Porsche Panamera o della piccola Smart ED tutta elettrica?

In bella mostra le cabrio. Tra le altre - una conferma - ecco la Range Rover Evoque, La Merdedes Benz S, la Mini e Fiat 124 Spider. Solo alcune anticipazioni, in attesa che la lista delle novità si completi.

Daniele Vaninetti


© RIPRODUZIONE RISERVATA