Bianzano, tra profumi e sapori Domenica la «Sagra del Tartufo»

Bianzano, tra profumi e sapori
Domenica la «Sagra del Tartufo»

Torna a Bianzano, domenica 26 ottobre, la «Sagra del Tartufo», una mostra-mercato del tartufo bergamasco che, giunta ormai alla 7a edizione, animerà le strade e le piazzette del centro storico con degustazioni, dimostrazioni pratiche di «cacce al tartufo» con i cani, animazione per bambini e mercatini dell’artigianato artistico.

La manifestazione, organizzata dall’associazione «Noter de Biensà», in collaborazione con l’Associazione tartufai bergamaschi e con il patrocinio del Comune di Bianzano, è tutta incentrata sull’esaltazione del tartufo, il pregiato «Tuber magnatum Pico», che verrà presentato in tutte le sue accezioni e tipologie.

«Ormai, sta crescendo nella Bergamasca il numero dei ricercatori di tartufi – sottolinea Giuseppe Ciocchetti, presidente dell’Associazione Tartufai bergamaschi, che riunisce circa 50 soci –. Semplici appassionati e cultori del tartufo, che con tanto di cane addestrato si fanno decine di chilometri nei boschi per cercare i pregiati tuberi. Un fenomeno in aumento, soprattutto in Val Brembana, Val Serina, e Val Cavallina».

La «Sagra del Tartufo» inizia alle 10,30, con un brindisi in piazza. A seguire, una dimostrazione pratica di ricerca del tartufo con i cani. Quindi, «A tavola con il tartufo»: menù tipico a base di tartufo, presso il ristorante «Des Alpes», in Valle Rossa. Nel pomeriggio, alle 14,30, degustazione dei «frutti della terra», con assaggi dei prodotti tipici della Valle Cavallina; e, alle 16, dimostrazione di come nasce il tartufo dal legno, a cura di Mastro Flaminio. Il ricavato della festa verrà devoluto alla locale scuola materna, per sostenere le attività didattiche. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA