Un’icona di stile senza età Iris Apfel, 94 anni social

Un’icona di stile senza età
Iris Apfel, 94 anni social

Una volta la nonnina più famosa della tv era quella che serviva il caffè. Dimostrava un’età indefinita, tendente all’infinito, nel senso che era una di quelle vecchine angeliche, silenziose e accuditive che hanno cent’anni da che ne avevano settanta e di cui si aggirano ancora alcuni rari esemplari in fortunate famiglie.

Ma i tempi cambiano e oggi è l’epoca della nonna sprint della pubblicità di una nota casa automobilistica, la novantaquattrenne Iris Apfel, che si aggiusta gli occhiali esagerati e parte alla conquista del mondo. La Apfel è una famosa collezionista, arredatrice di interni, imprenditrice e, come sottolinea lo spot, «un’icona nel mondo della moda», che vanta la bellezza di 195mila followers su Instagram.

Con l’ironia e il distacco che le arrivano dall’età della saggezza, lei preferisce definirsi una «starlet geriatrica», ma il suo stile eccentrico e inconfondibile, sovrabbondante e vistoso, tutt’altro che minimale, la rendono amatissima da stilisti e giornalisti di moda e costume. E lo stile è qualcosa che l’accompagna da sempre, un tratto distintivo che supera bellezza ed età. È una «fonte di ispirazione» dal 2005, da quando, per un imprevedibile caso, al Costume institute del Metropolitan museum of art di New York (il Moma, per capirsi), venne cancellata una mostra. Il direttore, alle prese con una sostituzione dell’ultimo minuto, decise di esporre la collezione di abiti e accessori di Iris Apfel. Il successo fu straordinario e la Apfel ha iniziato una fruttuosa collaborazione con varie aziende di moda, è ospite fissa di ogni sfilata e insegna moda all’università di Austin, in Texas. È testimonial di marchi famosi e una casa di makeup l’ha scelta per presentare una collezione dedicata a quella che si potrebbe definire la nuova categoria di donne, le nonnescenti: senza età, o che quantomeno non si riconoscono in quella anagrafica che, per la Apfel, parte dal 29 agosto del 1921.

Leggi tutto su Santalessandro.org


© RIPRODUZIONE RISERVATA