Lunedì 17 Ottobre 2011

Cat agility:
uno sport per gatti

Siete convinti che il vostro gatto sia un provetto atleta e che a velocità, salti e scatto non lo batta nessuno? Allora non fatevi scappare l'occasione di sperimentare il Cat Agility, una nuova disciplina sportiva che, nata in America qualche anno fa, sta incontrando sempre di più i favori anche in Europa. Il Cat Agility, come dice la parola stessa, è uno sport di agilità nel quale il gatto è chiamato a superare diverse prove ad ostacoli e a mostrare tutta la sua abilità e destrezza; nello specifico il micio viene spronato a percorrere un percorso costellato da ostacoli (tunnel colorati, piccole aste o rampe) nel più breve tempo possibile, mentre il suo allenatore (cioè il proprietario del gatto) lo stimola a superare i vari esercizi con l'utilizzo di giochini particolarmente allettanti, guidandolo nella giusta direzione. Ma non pensate che sia impossibile: chi possiede un gatto conosce perfettamente la sua passione nei confronti dei piumini e dei topolini di stoffa attaccati ad un filo e fatti ondulare e roteare a più non posso, per cui è più semplice di quanto sembri.

 Le persone che lo praticano, affermano entusiaste che è una disciplina foriera di tanti benefici, perché aiuta a mantenere il proprio amico con la coda in forma, stimola l'intelligenza e la coordinazione e, non da ultimo, contribuisce a rafforzare un legame affettivo, che diviene profondo ogni giorno di più. Il segreto della sua riuscita è far vivere al micio tutto come un «gioco», portandolo a cacciare e inseguire delle allettanti «esche», senza mai forzarlo, anche perché l'effetto ottenuto sarebbe quello opposto. E in questo modo Micio si diverte ed è contento di attraversare un cerchio, camminare in un tunnel o fare lo slalom, per inseguire un pennacchio a cui non può rinunciare. Il Cat Agility è uno sport aperto a tutti i gatti, senza distinzione di sesso, razza, taglia e l'unico vincolo è l'età: per le gare ogni soggetto deve avere compiuto almeno 8 mesi, mentre gli allenamenti possono essere cominciati a partire dai 4 mesi di vita. E' una bella disciplina che rappresenta un'opportunità per dedicare più attenzioni al proprio animale e di conseguenza per comprenderlo di più; ma è anche un'occasione per sviluppare la consapevolezza nelle persone che il gatto è un animale intelligente e di compagnia e non la creatura «indipendente, individualista e affezionata alla casa dove abita e non al padrone», convinzione sbagliata, ma ancora dura a morire. Infine doverosa una precisazione: anche se ci sono delle gare e un campionato, il Cat Agility rimane un gioco e un piacevole momento di condivisione, concetti che il gatto ha molto chiari. La stessa consapevolezza deve averla anche il padrone. Chi ha orecchie per intendere, intenda.

Marco Bergamaschi

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags