Camorra:in carcere famiglia,aiuto'Iovine

Sono parenti dell'uomo che ospitava boss al momento dell'arresto

Camorra:in carcere famiglia,aiuto'Iovine
(ANSA) - NAPOLI, 3 GIU - Una intera famiglia e' finita incarcere con l'accusa di aver favorito la latitanza del superbossdei casalesi Antonio Iovine, storica primula rossa del clan,arrestato il 17 novembre del 2010. Si tratta di Angelo Borrata,di Casal di Principe (Caserta), 45 anni, di sua moglie AngelinaManfredi, 43 anni, della figlia Maria Borrata, 24enne, e dellanipote Benedetta Borrata, 23 anni. Iovine, latitante dal 1995,fu arrestato proprio nell'abitazione di uno dei Borrata, Marco,padre di Benedetta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA