Martedì 20 Novembre 2012

Sabrina, reputavo Sarah mia sorella

(ANSA) - TARANTO, 20 NOV - ''Reputavo Sarah una sorella minore, non una cugina, e la trattavo di conseguenza. Qualche rimprovero si', ma non litigi'': lo ha detto Sabrina Misseri, imputata di concorso nell'omicidio di Sarah Scazzi, durante l'esame iniziato in Corte di Assise. ''Sarah si faceva dei complessi sul suo fisico, tipo le orecchie a sventola o la dentatura imperfetta. Glielo dicevano anche sua madre e gli amici di scuola''. La mamma di Sabrina, Cosima, si e' avvalsa invece dalla facolta' di non rispondere.

BU

© riproduzione riservata