Lunedì 04 Febbraio 2013

Attentato Brindisi: in aula Vanessa

(ANSA) - BRINDISI, 4 FEB - ''Mia sorella era a terra, aveva il torace dilaniato, e la sua mano sembrava carne macinata''. Cosi' poco fa Vanessa Capodieci, rimasta ferita insieme con la sorella Veronica nell'attentato avvenuto il 19 maggio 2012 davanti alla Morvillo-Falcone, ha ricordato nell'aula della Corte d'Assise di Brindisi i primi momenti dopo l'esplosione. Vanessa, benche' ferita, cerco' di prestare aiuto alla sorella piu' piccola che''singhiozzava e diceva che non riusciva a respirare'', ha ricordato Vanessa.

AME

© riproduzione riservata