Sabato 09 Febbraio 2013

Tar, no cittadinanza se maltratti moglie

(ANSA) - TORINO, 9 FEB - L'immigrato che ha maltrattato la moglie (e per questo e' stato condannato da un tribunale) non ha diritto alla cittadinanza italiana: e' quanto si afferma in una sentenza del Tar del Piemonte, che ha respinto il ricorso di un marocchino in Italia da piu' di dieci anni e divorziato dal 2007. Il Tar ha stabilito che gli episodi non sono cosi' gravi da fargli perdere il permesso di soggiorno, ma sufficienti a negargli la cittadinanza, perche' non si puo' ritenere compiuta l'integrazione dell'uomo.

GTT

© riproduzione riservata