Attentato Isère, non ho ucciso per Islam

Attentato Isère, non ho ucciso per Islam

(ANSA) - PARIGI, 29 GIU - Yassin Salhi che ieri ha confessato di aver barbaramente decapitato la sua vittima, dice di non aver agito in nome dell'Islam: l'attentatore dell'Isère, che è stato trasferito nella sede dell'antiterrorismo francese vicino Parigi, "contesta la natura religiosa della sua azione", dice una fonte vicina al dossier. Anche se "non si spiega" sulla presenza delle due bandiere islamiche lasciate nello stabilimento della Air Products ne' sul fatto che abbia gridato "Allah Akbar" al momento dell'attacco


© RIPRODUZIONE RISERVATA