Commercio: Ice punta a nuovi mercati

Commercio: Ice punta a nuovi mercati

(ANSA) - MILANO, 13 MAR - Il commercio internazionale rallenta e a differenza del passato cresce meno del Pil globale. Tra 2000 e 2007 il Pil era cresciuto del 6,9%, il commercio mondiale del 7,3%. Tra 2008 e 2016 il pil è aumentato del 4,6%, il commercio internazionale del 2,9%. L'ha sottolineato il presidente di Sace Beniamino Quinteri. Il 2017 sarà un anno di incertezze "nonostante la generale ripresa" per "le attese decisioni dei policy makers". Il commercio è atteso crescere dall'1,8% al 3,1%. "Le imprese italiane hanno bisogno di crescita e bisogna cercarla nei paesi dove c'è" ha detto il presidente di Ice Agenzia Michele Scannavini. Obiettivo sono i nuovi territori, come in Usa, dove "siamo forti sulle due coste ma con una presenza scarsa in zone, come il Texas, dove fiorisce l'italian sounding. E' dove non c'è il parmigiano che mi prendo il parmesan. Se ci fossero prodotti italiani, l'italian sounding calerebbe del 50%". Nel 2017 197 milioni saranno destinati da Ice alla promozione, 25 andranno alla digital economy.


© RIPRODUZIONE RISERVATA