Consulta conferma divieto libri a 41 bis

Consulta conferma divieto libri a 41 bis

(ANSA) - ROMA, 8 FEB - E' corretta la norma che consente al Dap di vietare ai detenuti sottoposti al 41 bis di ricevere libri e riviste dall'esterno. Lo ha deciso la Corte Costituzionale dichiarando "non fondata" la questione di legittimità sollevata da un magistrato di sorveglianza di Spoleto, Fabio Gianfilippi, che aveva raccolto l'appello di un detenuto in regime di 41 bis a Terni. Secondo la Consulta il divieto consente all'amministrazione penitenziaria, di prevenire contatti del detenuto con l'organizzazione criminale di appartenenza. Sono circa 750 i detenuti in regime di 41 bis in Italia. Il cosiddetto carcere duro, introdotto dopo le stragi di mafia dell'estate 1992, nelle quali persero la vita i magistrati Falcone e Borsellino, che prevede la sospensione di alcuni diritti per i detenuti che abbiano commesso reati gravi come l'associazione mafiosa. Tra le restrizioni più gravose appunto i rapporti dei carcerati con l'esterno: dunque gli incontri con i familiari, le telefonate e i rapporti con gli altri detenuti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA