Sabato 27 Aprile 2013

Corte dei conti, 'corrotti come mafiosi'

(ANSA) - PALERMO, 27 APR - Colto in flagrante mentre incassava una tangente per non emettere sanzioni, Mario Artisi, dipendente dell'Agenzia delle Entrate di Palermo, e' stato condannato a tre anni per concussione, licenziato e ora dovra' risarcire anche il danno all'immagine del ministero delle Finanze. ''I fatti sono stati percepiti dall'opinione pubblica sostanzialmente alla stessa stregua delle illecite richieste estorsive provenienti dalla criminalita' organizzata'', hanno sottolineato i giudici.

© riproduzione riservata