Morti in corsia,Scoppetta ai domiciliari

Morti in corsia,Scoppetta ai domiciliari

(ANSA) - MILANO, 3 FEB - I giudici del Tribunale del Riesame di Milano hanno accolto la richiesta della Procura di Busto Arsizio di arresti domiciliari per Nicola Scoppetta, ex direttore del pronto soccorso dell'ospedale di Saronno. Scoppetta è indagato per omessa denuncia e favoreggiamento nell'inchiesta sulle morti sospette avvenute nel reparto che dirigeva. Il legale di Scoppetta, l'avvocato Massimo Pellicciotta, farà ricorso in Cassazione contro il provvedimento. Il medico rimane comunque a piede libero, in attesa di una decisione da parte della Corte Suprema. In carcere si trovano, invece, dal novembre scorso, il medico Leonardo Cazzaniga e l'infermiera, sua amante, Laura Taroni. Cazzaniga è indagato per alcune morti sospette avvenute in ospedale, mentre la Taroni, in modo particolare è accusata, in concorso con l'amante, dell'omicidio del marito e del suocero.


© RIPRODUZIONE RISERVATA