Nuovo scontro a distanza Salvini-Juncker

Nuovo scontro a distanza Salvini-Juncker

BRUXELLES  - Nuovo scontro a distanza tra il vicepremier Matteo Salvini ed il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, mentre il leader dell'Eurocamera Antonio Tajani invita a "smettere di urlare". 

 

"L'Ue ha detto sì a manovre economiche che hanno impoverito e precarizzato l'Italia e quindi non mi alzo la mattina pensando al giudizio che del governo e dell'Italia hanno persone come Juncker e Moscovici, che hanno rovinato l'Europa e l'Italia", ha attaccato Salvini. "Spero che" Salvini "non finisca mai nella situazione di dover raccogliere un mucchio di macerie", ha risposto Juncker a distanza, riferendosi in particolare ad una nuova eventuale crisi dell'euro. 

 

"Le uniche macerie che dovrò raccogliere sono quelle del bel sogno europeo distrutto da gente come Juncker", ha ribattuto a stretto giro il leader della Lega. Tajani intanto invita alla moderazione. "La Commissione europea dovrebbe rimanere in silenzio perché non è con gli insulti all'Italia che si risolvono i problemi, né con gli insulti dell'Italia all'Europa". Occorre "smettere di urlare per creare lavoro e investimenti".

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA