Zarrillo, miei brani vivono nella gente

Zarrillo, miei brani vivono nella gente

(ANSA) - ROMA, 30 GEN - "Le mie canzoni vivono nel tempo e nella gente. Finora ho partecipato a 11 Festival e almeno nove delle canzoni che ho portato sono nella memoria collettiva. Da Cinque Giorni a Una rosa blu, da L'elefante e la farfalla a L'acrobata. Per questo i giudizi dei critici mi fanno sorridere". Michele Zarrillo si prepara al suo 12/o Sanremo ("la mia alcova"), incurante dei voti e della gara, ma ben consapevole della sua storia. Il brano che porta è Mani nelle mani, "il racconto dell'inizio di un rapporto, il momento più bello", che fa da apripista al nuovo album di inediti che uscirà il 10 febbraio per Universal, dal titolo evocativo "Vivere e rinascere". E che fa da filo conduttore anche con la sua vita privata, dopo lo stop forzato per un problema di salute nel 2013. "E' una piccola riflessione su quello che viviamo e su quello che abbiamo vissuto - dice il cantautore -. Ma è un messaggio di speranza, perché esprime la voglia di andare avanti". Dal 7 aprile al 20 maggio Zarrillo sarà impegnato in un tour teatrale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA