Mercoledì 26 Maggio 2010

Istat/Italiani 'bamboccioni':vive in famiglia 58,6% dei 18-34enni

Roma, 26 mag. (Apcom) - Italiani sempre più 'bamboccioni', costretti a vivere in famiglia anche e soprattutto per motivi economici: la quota dei 18-34enni celibi e nubili che vive in famiglia nel 2009 si attesta al 58,6%. Era del 49% nel 1983 e del 60,2% nel 2000. Tra i 30-34enni, quasi il 30% vive ancora in famiglia, una quota triplicata dal 1983. Tra i giovani in questa fascia di età, inoltre, quelli che rinviano l'uscita dalla famiglia sono ragazzi in un caso su tre, ragazze in un caso su cinque. I dati sono quelli del rapporti annuale dell'Istat presentato oggi a Roma. La prolungata convivenza dei figli con i genitori oggi dipende soprattutto da problemi economici (40,2%) e dalla necessità di proseguire gli studi (34%), mentre la permanenza in famiglia è indicata come una scelta solo in terza battuta (31,4%). Rispetto al 2003 si registra una diminuzione di nove punti del modello di "permanenza-scelta", soprattutto nelle zone più ricche del Paese (-16 punti nel Nord-est e -13 nel Nord-ovest), dove questa motivazione era maggiormente segnalata in passato. Tra i motivi economici più segnalati, spiccano le difficoltà di trovare un'abitazione adeguata (26,5%) e quella di trovare lavoro (21%).

Red/Cro

© riproduzione riservata