Lunedì 20 Dicembre 2010

Università/ Aula del Senato riprende dibattito sul ddl Gelmini

Roma, 20 dic. (Apcom) - Dopo la sospensione mattutina per la mancanza del numero legale, è ricominciato nell'aula del Senato l'esame del ddl Gelmini sull'università. Dopo un dibattito preliminare suscitato dal vicepresidente del gruppo del Pd Luigi Zanda sulle "inaccettabili dichiarazioni", così le ha definite, del presidente dei senatori Pdl Maurizio Gasparri, che nei giorni scorsi ha chiesto 'un nuovo 7 aprile' con l'arresto preventivo degli studenti violenti, il presidente della commissione Istruzione Guido Possa (Pdl) ha spiegato in che modo si è giunti alla rinuncia del mandato al relatore da parte della commissione. In particolare, Possa ha sottolineato che a suo giudizio non vi fossero i tempi necessari per l'esame degli oltre 500 emendamenti presentati dalle opposizioni. E ha ricordato che il Governo la maggioranza avevano rifiutato, in commissione, l'offerta avanzata dai gruppi di minoranza di un ritiro della quasi totalità degli emendamenti in cambio dell'accoglimento di tre sole modifiche da parte della maggioranza. Il vicepresidente di turno dell'assemblea ha poi dato il via alla presentazione delle questioni pregiudiziali di costituzionalità, la prima da parte del gruppo Italia dei Valori, la sta illustrando il senatore Luigi Li Gotti.

Bar

© riproduzione riservata