Sabato 16 Aprile 2011

Usa/ Obama e la tecnologia: "amministrazione indietro di 30 anni"

Roma, 16 apr. (TMNews) - Gli Stati Uniti saranno pure la più grande potenza al mondo, ma anche per gli States il tempo sembra scorrere talmente veloce da non essere capaci di stare al passo. E così capita che c'è un presidente, Barack Obama, che si lagna per una tecnologia obsoleta, "orribile", non degna delle grandi potenzialità Usa. "E' così per il Pentagono, per le agenzie governative, per il dipartimento per la Sicurezza interna", ha confessato. L'innovazione tecnologica è andata a rilento, secondo l'inquilino della Casa Bianca, che ha lanciato un vero e proprio grido d'allarme. "siamo 30 anni indietro". "Non possiamo usufruire di tecnologia all'avanguardia", ha confessato Obama, durante un incontro con un gruppo di donatori a Chicago. Non nascondendo tutta la sua esasperazione, spiega oggi il Telegraph, il presidente Usa è sbottato: "Ragazzi, sono il presidente degli Stati Uniti! Dove sono tutti i pulsanti, le tecnologie avanzate, il mega schermo?"

Coa

© riproduzione riservata