Martedì 18 Ottobre 2011

Ddl Stabilità/ Scuola, stretta docenti aggregati Miur e segretari

Roma, 18 ott. (TMNews) - Riguardano diverse tipologie di finanziamenti al settore dell'istruzione i tagli previsti nel ddl stabilità approvato venerdì scorso: si va dalla riduzione di insegnanti impiegati al Miur al taglio degli ex segretari scolastici fino al blocco degli scatti di anzianità del personale impegnato nell'Alta formazione artistica e musicale sino alla conversione dei docenti tecnico-pratici in esubero in assistenti tecnici. Scorrendo la relazione tecnica al ddl, si rileva che dei 400 docenti impegnati presso viale Trastevere per "compiti connessi con l'autonomia scolastica", sostituiti annualmente con supplenti annuali, ne rimarranno solo 240: ciò comporterà una riduzione di spesa pari a 1,7 milioni di euro per il 2012, 5,2 milioni a decorrere dall'a.s. 2012/2013 ed altri 5,2 milioni a decorrere dal 2014. Si estende anche ai Dsga, i direttori dei servizi generali ed amministrativi, la norma approvata in estate tramite il decreto sviluppo che prevede la cancellazione di dirigenti scolastici negli istituti più piccoli: "la norma - si legge nella relazione tecnica - trova giustificazione nella circostanza che il carico di lavoro del DSGA dipende in buona parte dalla dimensione della scuola e del relativo bilancio; pertanto è verosimile prevedere che scuole sotto i 600 alunni (400 nei comuni montani, isolani, eccà) possano essere 'accorpate' tra loro con la conseguente assegnazione di un unico Dsga". Le scuole interessate al taglio di Direttori amministrativi saranno ben 3.138: "per tali scuole, ai sensi del comma 5-bis, si stima che ogni due posti di DSGA, almeno uno venga meno". Considerato il trattamento economico lordo Stato di un DSGA, inclusa l'indennità di direzione fissa, pari a circa 35.511,8 euro lordo Stato pro-capite, il governo ha stimato in 45,2 milioni di euro il risparmio per il 2012, 140 milioni per quello successivo e 153,2 per il 2014.

Alg/Gab

© riproduzione riservata