Giovedì 19 Febbraio 2009

La Ubs, Principale banca svizzera, leva il segreto bancario

Roma, 19 feb. (Apcom) - La Svizzera leva il segreto bancario, titola oggi il quotidiano svizzero Le Temps anticipando una decisione dell'autorità di sorveglianza elvetica. L'Ubs, la principale banca del Paese, fornirà i nomi di 250 suoi clienti alla giustizia americana, sebbene questi ancora non risultino colpevoli di frode o evasione. La procedura, che viola il diritto svizzero, aggiunge Le Temps, "è contestata". In cambio gli Stati uniti rinunceranno a reclamare i nomi di altri 19mila clienti. "L'impensabile sta accadendo" è il commento del New York Times, dopo che ieri la banca elvetica aveva ammesso di avere aiutato alcuni facoltosi contribuenti americani a nascondere conti bancari al fisco. L'accordo con la corte federale di Fort Lauderdale, in Florida, prevede il pagamento di 780 milioni di dollari da parte dell'Ubs per chiudere il procedimento. Questi ultimi sviluppi intervengono , "non a caso", alla vigilia della pubblicazione, da parte del Senato americano, di una lista di testimoni chiamati a comparire per fornire spiegazioni sull'affaire Ubs. Fra questi, lo stesso presidente della Banca, Peter Kurer. La decisione dunque sembra essere detttata dall'urgenza di trovare un accordo con le autorità americani prima che il numero uno di Ubs si ritrovasse indagato dalla giustizia americana. Ma soprattutto, in questo modo, Ubs vuole evitare che in futuro le autorità americane mettano in opera una minaccia ben più grave, quella di ritirargli la licenza bancaria americana. Il Consiglio federale, che ha tenuto una riunione straordinaria ieri sera, dovrebbe annunciare ufficialmente la notizia questa mattina. Per motivi di forza maggiore, come la salvaguardia degli interessi nazionali, il governo può prendere misure urgenti e decidere di derogare al segreto bancario. Dopo il piano di salvataggio - deciso il 16 ottobre 2008 dal governo e dalla Banca nazionale Svizzera - sarebbe quindi la seconda volta che le autorità federali intervengono in modo decisivo per assicurare la sopravvivenza del più grande istituto bancario elvetico.

Fcs

© riproduzione riservata