Lunedì 02 Marzo 2009

Calcio; Abete: Giudici d'area? Figura dell'arbitro resti centrale

Roma, 2 mar. (Apcom) - Una eventuale introduzione degli assistenti sulle linee di fondo non dovrà sminuire il potere decisionale dell'arbitro. E' il segnale lanciato stamani dal presidente della federcalcio, Giancarlo Abete. Intervenuto nel corso della trasmissione 'Radio anch'io-Lo Sport', su Radio Uno, Abete ha trattato il tema rispondendo ad una domanda relativa al discusso calcio di rigore assegnato ieri all'Inter nel match pareggiato 3-3 con la Roma per una apparente simulazione di Mario Balotelli. "Bisogna notare che alla fine della partita le valutazioni dei due tecnici sono state completamente opposte", ha detto Abete, "questo conduce ad un elemento di valutazione. Quella di ieri sera è una situazione a cui, vista la complessità dell'azione stessa, non so quanto avrebbe contribuito un giudice di fondo". Il presidente federale ha evidenziato la necessità "fare sintesi tra sei direttori": "Resta centrale la figura dell'arbitro - ha aggiunto - è fondamentale che non ci sia confusione sui ruoli. La Figc è comunque "disponibile a sperimentare" l'introduzione degli assistenti d'area: "Formalizzeremo questa disponibilità a Fifa e Uefa, poi dipenderanno da questi organismi internazionali la struttura di questi test e i soggetti individuati. Il calcio italiano ha desiderio e volontà di sottoporsi a questa sperimentazione", ha concluso Abete.

Grd-Caw

© riproduzione riservata